Covid ultime 24h
casi +16.424
deceduti +318
tamponi +340.247
terapie intensive +11

Napoli, imprenditore si suicida a causa della crisi economica provocata dall’epidemia di Coronavirus

La vicenda è stata commentata anche dal premier Conte, che ha espresso la sua vicinanza alla famiglia

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 6 Mag. 2020 alle 16:54
1.2k
Immagine di copertina

Coronavirus: imprenditore si suicida a Napoli a causa della crisi economica

Imprenditore si suicida a Napoli a causa della crisi economica scoppiata in seguito all’epidemia di Coronavirus. Si tratta della prima vittima della crisi scoppiata in seguito all’emergenza Covid e al conseguente lockdown imposto per contrastare la diffusione del virus. La vittima, Antonio Nagaro, imprenditore 57enne di Cercola, in provincia di Napoli, si è tolto la vita nella notte tra martedì 5 e mercoledì 6 maggio, impiccandosi nei capannoni della sua azienda, situata nel rione Barra, una zona industriale della città. La ditta, a quanto si apprende, si occupava di allestimenti di negozi di ogni genere ed era solida a livello finanziario. Tuttavia, le misure restrittive imposte dal governo hanno costretto l’imprenditore a cessare momentaneamente l’attività, che ha riaperto lo scorso 4 maggio, in seguito all’allentamento del lockdown. Le scadenze, i fornitori da pagare, le retribuzioni degli operai e il totale blocco del mercato hanno gettato nel più totale sconforto l’imprenditore, che ha deciso di togliersi la vita. L’uomo lascia una moglie e una figlia.

Coronavirus, code al Banco Pegni: immagini dell’Italia in crisi

A lanciare l’allarme erano stati proprio i suoi familiari, preoccupati del fatto che l’uomo non rientrava a casa. Una volta arrivati nel parcheggio antistante la ditta, hanno notato la macchina dell’imprenditore e visto che la luce dell’ufficio era accesa. Poiché Nagaro non rispondeva al cellulare, i suoi familiari hanno deciso di chiamare i vigili del fuoco che, una volta giunti sul posto, hanno forzato la serratura, trovando poi il cadavere dell’imprenditore, il quale ha lasciato una lettera di addio, sequestrata dalla Procura di Napoli che ha aperto un’inchiesta. La vicenda è stata commentata anche dal premier Conte che ha espresso il suo dolore per la notizia commentando: “Siamo vicini alla famiglia”.

Leggi anche: 1. La crisi economica mette in ginocchio il ceto medio: i nuovi poveri in fila al Banco dei Pegni / 2. Enrico Letta a TPI: “Altro che Europa assente. Dall’Ue grande reazione all’emergenza Covid”

1.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.