Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Napoli, imprenditore si suicida a causa della crisi economica provocata dall’epidemia di Coronavirus

Immagine di copertina

La vicenda è stata commentata anche dal premier Conte, che ha espresso la sua vicinanza alla famiglia

Coronavirus: imprenditore si suicida a Napoli a causa della crisi economica

Imprenditore si suicida a Napoli a causa della crisi economica scoppiata in seguito all’epidemia di Coronavirus. Si tratta della prima vittima della crisi scoppiata in seguito all’emergenza Covid e al conseguente lockdown imposto per contrastare la diffusione del virus. La vittima, Antonio Nagaro, imprenditore 57enne di Cercola, in provincia di Napoli, si è tolto la vita nella notte tra martedì 5 e mercoledì 6 maggio, impiccandosi nei capannoni della sua azienda, situata nel rione Barra, una zona industriale della città. La ditta, a quanto si apprende, si occupava di allestimenti di negozi di ogni genere ed era solida a livello finanziario. Tuttavia, le misure restrittive imposte dal governo hanno costretto l’imprenditore a cessare momentaneamente l’attività, che ha riaperto lo scorso 4 maggio, in seguito all’allentamento del lockdown. Le scadenze, i fornitori da pagare, le retribuzioni degli operai e il totale blocco del mercato hanno gettato nel più totale sconforto l’imprenditore, che ha deciso di togliersi la vita. L’uomo lascia una moglie e una figlia.

Coronavirus, code al Banco Pegni: immagini dell’Italia in crisi

A lanciare l’allarme erano stati proprio i suoi familiari, preoccupati del fatto che l’uomo non rientrava a casa. Una volta arrivati nel parcheggio antistante la ditta, hanno notato la macchina dell’imprenditore e visto che la luce dell’ufficio era accesa. Poiché Nagaro non rispondeva al cellulare, i suoi familiari hanno deciso di chiamare i vigili del fuoco che, una volta giunti sul posto, hanno forzato la serratura, trovando poi il cadavere dell’imprenditore, il quale ha lasciato una lettera di addio, sequestrata dalla Procura di Napoli che ha aperto un’inchiesta. La vicenda è stata commentata anche dal premier Conte che ha espresso il suo dolore per la notizia commentando: “Siamo vicini alla famiglia”.

Leggi anche: 1. La crisi economica mette in ginocchio il ceto medio: i nuovi poveri in fila al Banco dei Pegni / 2. Enrico Letta a TPI: “Altro che Europa assente. Dall’Ue grande reazione all’emergenza Covid”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa
Cronaca / “Eugenio Scalfari è morto”: la gaffe del Corriere della Sera su Instagram. Post subito rimosso
Cronaca / Torino, 47enne si sposa in fin di vita in ospedale: poche ore dopo un trapianto di cuore lo salva
Cronaca / Strage Marmolada, identificato il sopravvissuto trovato senza documenti
Cronaca / Incidente sul Cervino, trovati i corpi di due alpinisti: caduti per circa 400 metri
Cronaca / La startup di spesa a domicilio Gorillas lascia l’Italia e licenzia i dipendenti
Cronaca / Roma, baby gang picchia due ragazzi disabili e pubblica video sui social
Cronaca / Covid, identificata nuova sottovariante “Omicron BA.2.75”: perché spaventa più delle altre
Cronaca / Salvano uomo nudo in mare che stava annegando, poi la scoperta: era evaso dai domiciliari
Cronaca / Lettera di uno studente 15enne: “Basta con le divisioni politiche, la tutela dell’ambiente ci riguarda tutti”