Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Chi è il professore dell’università di Siena che inneggia a Hitler e ha idee antisemite

Immagine di copertina

Grande scalpore sta facendo la notizia secondo cui un professore dell’Università di Siena, Emanuele Castrucci, su Twitter diffonda idee antisemite e appoggi apertamente Adolf Hitler. Il docente di Filosofia del diritto sui suoi profili social diffonde idee antisemite, come ad esempio la tesi complottistica sul Protocollo dei Savi di Sion, già accertato e conosciuto come falso documentale, che rappresenta la base di molte idee contro gli ebrei.

“Vi hanno detto che sono stato un mostro per non farvi sapere che ho combattuto i veri mostri che oggi vi governano e dominano il mondo”, si legge invece in un altro tweet, con una foto di Hitler, pubblicata il 30 novembre scorso.

In questo articolo tutti i suoi post e le sue frasi controverse. 

La notizia ha destato immediatamente scalpore e i post sono stati immediatamente segnalati. Il rettore dell’Università di Siena Francesco Frati, interpellato sulla vicenda ha detto: “Il Prof. Castrucci scrive a titolo personale e se assume la responsabilità. L’Università di Siena, come dimostrato in molteplici occasioni, è dichiaratamente anti-fascista e rifugge qualsiasi forma di revisionismo storico nei confronti del nazismo”.

Castrucci insegna Filosofia del diritto come professore ordinario nel dipartimento di Giurisprudenza.

Sulla sua pagina Facebook è comparsa la scritta: “Si diverte un casino a fare il nazista su twitter, sotto lo sguardo bonario e vagamente bovino del rettore dell’Università di Siena”.

Castrucci si è laureato in giurisprudenza all’Università di Firenze nel 1975.

È stato dal 1981 al 1989 ricercatore nell’Università di Firenze. Le sue ricerche vertono principalmente su tematiche di storia delle idee giuridico-politiche, come ad esempio le origini e le forme del pensiero giuridico europeo moderno; la ricostruzione delle linee fondamentali della teoria dello Stato tedesca della prima metà del Novecento

Tra i suoi saggi e libri principali ci sono “Ordine convenzionale e pensiero decisionista. Saggio sui presupposti intellettuali dello Stato moderno nel Seicento francese”, “Tra organicismo e Rechtsidee. Il pensiero giuridico di Erich Kaufmann”, “Dalla costituzione dello Stato all’ordine della terra. Appunti sulla filosofia del diritto pubblico di Carl Schmitt”. Ha scritto anche su Robert Musil, Walter Benjamin e Paul Valéry.

Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, Michetti non decolla: sfida Gualtieri-Calenda per prendere i voti dei moderati di destra
Politica / Conferenza stampa Mario Draghi oggi: a che ora parla e dove vederla
Politica / Il giornalista “spia” nello staff del governo dei migliori: Renato Farina è il nuovo consulente di Brunetta
Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, Michetti non decolla: sfida Gualtieri-Calenda per prendere i voti dei moderati di destra
Politica / Conferenza stampa Mario Draghi oggi: a che ora parla e dove vederla
Politica / Il giornalista “spia” nello staff del governo dei migliori: Renato Farina è il nuovo consulente di Brunetta
Politica / Fonti Lega a TPI: “Salvini ha paura delle elezioni: per questo non rompe con Draghi”
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario