Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Pisa, alga tossica in spiaggia. Il Comune: “Sei volte oltre il limite, fate attenzione”

Immagine di copertina

Un’alga altamente tossica è stata individuata dall’Arpat, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, che ha analizzato dei campioni di ghiaia sulle spiagge di via della Repubblica Pisana, a Marina di Pisa. Si tratta della ‘Ostreopsis ovata’, che secondo le rilevazioni presenta un livello di tossicità quasi 6 volte superiore ai limiti previsti dalle linee guida ministeriali. La presenza dell’alga, che può causare problemi respiratori, congiuntivite e febbre, era già stata ravvisata negli scorsi anni e ciò aveva spinto il Comune a posizionare dei cartelli in spiaggia per allertare i bagnanti a fare la massima attenzione.

Il limite di tossicità previsto per legge è di 10.000 cell/L, mentre Arpat lo scorso 29 giugno ha rilevato valori di 56.640 cell/L. L’alga in questione, che normalmente vive nelle calde acque dei mari tropicali, recentemente è arrivata anche nei mari italiani e soprattutto lì dove ci sono coste e fondali rocciosi. La ‘Ostreopsis ovata’ può essere pericolosa non solo per chi fa il bagno, ma anche per chi si trova in spiaggia a prendere il sole. A seguito dei risultati della analisi dell’Arpat, il Comune di Pisa ha nuovamente affisso, lo scorso venerdì 3 luglio, degli avvisi per i bagnanti all’entrata delle spiagge di ghiaia; in pericolo è soprattutto chi soffre di problematiche respiratorie. “Le analisi hanno evidenziato dei valori superiori ai limiti di quasi 6 volte. Si tratta di una problematica riscontrata diverse volte anche negli scorsi anni. Il Comune in queste situazioni si muove seguendo quelle che sono le indicazioni dell’autorità sanitaria che, in questo caso, così come negli anni passati, ci ha chiesto solo di apporre queste avvertenze agli ingressi delle spiagge”, ha spiegato il dirigente dell’Ufficio Ambiente, Marco Redini.

Leggi anche:
Neve rosa sulle Alpi: la “malattia” del ghiaccio deriva da un’alga
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Da lunedì al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”
Cronaca / Covid, oggi 17.030 casi e 74 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / Lo spot sul Parmigiano Reggiano fa arrabbiare il web: “Sfruttamento del lavoro”. L’azienda: “Lo cambieremo”
Cronaca / Covid: Bolzano in zona gialla da lunedì, cinque regioni a rischio entro Natale
Cronaca / “Noi studenti schiavi della lode”