Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Sequestra, picchia e violenta la compagna. Ma i giudici: “Pena ridotta, lei troppo disinvolta”

Immagine di copertina

Per i giudici di Milano, un uomo che sequestra, picchia e violenta per tutta la notte la convivente, ha diritto a una pena minore se la donna ha tenuto "una condotta troppo disinvolta"

Un 63enne romeno che aveva sequestrato la convivente nella propria roulotte, picchiandola e violentandola per una notte fino all’arrivo dei carabinieri, ha visto la sua pena ridotta dalla Corte d’Appello di Milano, perché secondo i giudici l’uomo era stato “esasperato” dalla condotta “troppo disinvolta” della donna. La notizia è riportata in esclusiva dal Corriere della Sera e si riferisce alle drammatiche ore vissute da una 43enne romena la notte dell’8 giugno 2019 a Vimercate, in provincia di Monza.

L’uomo aveva insultato e minacciato di morte la convivente, alla quale “imputava tradimenti con uomini conosciuti su Facebook”. Le aveva puntato un coltello al viso, strappato di mano e gettato a terra il telefonino, poi l’aveva picchiata con un tavolino di legno, colpita con schiaffi e pugni e trascinata sul letto. Qui l’aveva aggredita e costretta a compiere atti sessuali. “Di qua non esci viva”, l”aveva minacciata l’uomo.

A condannare l’uomo in primo grado era stato il Tribunale di Monza, che aveva stabilito nella sua sentenza una pena di 5 anni dopo il rito abbreviato. Ma la i giudici milanesi in secondo grado hanno ridotto la pena a 4 anni e 4 mesi. A stupire sono soprattutto le motivazioni della sentenza, firmata dalla giudice relatrice Francesca Vitale con il presidente Marco Maria Maiga e la collega Elena Minici, secondo le quali l’intensità del dolo di quei tre reati è attenuata dal fatto che l’uomo – definito un “soggetto mite” sulla base del percorso intrapreso in carcere – fosse “esasperato dalla condotta troppo disinvolta della donna”, che “aveva passivamente subìto sino a quel momento”.

Il tutto, sottolineano i giudici, va inserito in un “contesto familiare degradato” e “caratterizzato da anomalie quali le relazioni della donna con altri uomini, dall’imputato quasi favorite o comunque non ostacolate” finché lei “rimase incinta di un altro soggetto”. Per questi motivi i giudici hanno accolto il ricorso in merito “all’eccessività del trattamento sanzionatorio” e ridotto la pena.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Esclusivo TPI – Ancora ombre sulla gara per il cloud pubblico: “Incontri fra governo e Big Tech già nel 2020”
Cronaca / Galimberti a TPI: “Nella società dell’efficienza se non sei produttivo non esisti”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / C’è una scuola che insegna a sbagliare: “Gli errori possono renderci migliori”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate