Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Napoli, paziente sospetto Covid trovato morto nel bagno dell’ospedale Cardarelli

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 11 Nov. 2020 alle 22:19 Aggiornato il 11 Nov. 2020 alle 22:36
747

Un paziente ricoverato nell’Area Sospetti del pronto soccorso dell’ospedale Antonio Cardarelli di Napoli, con probabile infezione da Covid-19 e già in terapia, è stato trovato privo di vita nel bagno dell’area di Pronto soccorso oggi, mercoledì 11 novembre.

A ritrovare il corpo è stato il personale dell’ospedale che ha notato l’eccessiva permanenza dell’uomo nella toilette. Non è al momento possibile stabilire quale sia stata la causa del malore che ha portato al decesso, potrebbe trattarsi anche di un malore improvviso. La direzione sanitaria ha avviato ogni indagine necessaria.

Il video online

Poco dopo il ritrovamento del corpo, qualcuno ha diffuso le immagini online. Il video sarebbe stato girato quando il personale sanitario era andato a prendere una barella su cui adagiare il corpo. “Alla famiglia dell’uomo vanno le condoglianze della direzione strategica e di tutto il personale che si spende ogni giorno per porre un argine alla violenza di questa pandemia”, ha fatto sapere la direzione generale.

Il commento di Di Maio

“Le immagini del paziente ritrovato morto nel bagno dell’ospedale Cardarelli di Napoli sono scioccanti. Siamo di fronte a fatti drammatici e inaccettabili, episodi che ci spingono ad agire come Governo centrale, perché non c’è più tempo”, ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “A Napoli e in molte aree della Campania la situazione è infatti fuori controllo”, prosegue Di Maio.

“Non è più questione di opinioni o pareri, qui a parlare è la realtà. Il paziente trovato morto accasciato nel bagno all’ospedale Cardarelli – scrive il ministro – è la più cruda e violenta di numerose testimonianze che mi giungono ogni giorno dagli ospedali campani: persone curate in auto nei parcheggi, altre che muoiono in ambulanze del 118 a cui non viene assegnata la destinazione; altre ancora che neanche vengono prelevate da casa nonostante le continue chiamate”.

L’INCHIESTA DI TPI SUI TAMPONI FALSI IN CAMPANIA

1. Esclusivo TPI: “Che me ne fotte, io gli facevo il tampone già usato e gli dicevo… è negativo guagliò”. La truffa dei test falsi che ha fatto circolare migliaia di positivi in Campania
2. “Non aspettavo neanche i 20 minuti e dicevo: il tampone è negativo guagliò, tutto a posto”: le intercettazioni
3. Il documento che smaschera la banda
4. “Io truffato con un tampone falso negativo, ho scoperto alla Asl di avere il Covid”: la testimonianza
5. “Tua zia non ha niente”. Ma dopo il falso tampone in Campania Maria finisce all’ospedale
6. Chi sono i membri dell’organizzazione
7. Truffa dei tamponi falsi in Campania: la ricostruzione dell’inchiesta di TPI
8. Tamponi truffa in Campania, tutte le reazioni all’inchiesta di TPI

747
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.