Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Rapina Monterotondo, Salvini: “Ho chiamato Andrea, ci sono per lui”

Immagine di copertina
Matteo Salvini

“Ho chiamato Andrea, gli ho detto che io ci sono da ministro, da italiano, per qualunque necessità”.

Queste le parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini durante il programma “Povera Patria” che andrà in onda nella sera del 29 aprile su Rai2.

Il riferimento è ad Andrea Pulone, il ragazzo di 29 anni che il 26 aprile ha sparato e ferito un 16enne che, con altre tre persone, stava tentando un furto in una abitazione a Monterotondo, in provincia di Roma.

“La nuova norma non distribuisce armi a nessuno”, ha poi commentato il ministro dell’Interno in riferimento alla legge sulla legittima difesa firmata dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Se uno viene aggredito ha tutto il diritto di difendersi e in questi casi ci sarà un’indagine, ma molto più breve”.

Cosa cambia con la legge sulla legittima difesa

Il ragazzo dal 29 aprile è stato iscritto nel registro degli indagati per eccesso colposo di legittima difesa:  il caso di cronaca che lo vede protagonista ha fatto molto discutere l’opinione pubblica.

La procura di Tivoli ha specificato che il caso in questione non ricade sotto la protezione della nuova legge sulla legittima difesa, cavallo di battaglia della Lega, ma il pm ha anche sottolineato che il risultato sarebbe stato lo stesso anche in quel caso.

Il caso Peveri – Non è la prima volta che il ministro dell’Interno prende le difese di un cittadino che ha diretto la propria arma contro un ladro.

A febbraio del 2019 il leader della Lega si era recato alla Casa Circondariale di Piacenza per incontrare Angelo Peveri, l’imprenditore condannato dalla Cassazione a quattro anni e sei mesi di detenzione per il tentato omicidio di un ladro di nazionalità rumena, fatto avvenuto nell’ottobre 2011.

Dopo l’incontro il vicepremier aveva anche ventilato l’idea di chiedere al presidente della Repubblica la grazia per Peveri.

L’incontro con l’imprenditore era stato fortemente criticato dall’Assocazione Nazionale Magistrati (Anm).

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Da giugno 6 regioni saranno in zona bianca
Cronaca / Covid, 3.455 casi e 140 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Coprifuoco alle 23 da domani, abolito dal 21 giugno: approvato il decreto sulle riaperture
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Da giugno 6 regioni saranno in zona bianca
Cronaca / Covid, 3.455 casi e 140 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Coprifuoco alle 23 da domani, abolito dal 21 giugno: approvato il decreto sulle riaperture
Costume / Perde il lavoro per il Covid, l’italiano Khaby diventa tiktoker e supera i follower di Zuckerberg
Cronaca / Parla la lavoratrice in nero del caso Angelini: "Bob mi ha messo alla gogna ma io non farò lo stesso con lui"
Cronaca / Urbano Cairo insulta la sindaca di Torino: "Appendino? Una deficiente"
Cronaca / Sgarbi contro il bacio saffico nello spot Dietorelle: “Pubblicità oscena”
Cronaca / "Hanno bloccato Reithera ma così l'Italia sarà sotto schiaffo di Big Pharma"
Cronaca / La Chiesa apre al Ddl Zan: “Ok alla proposta di legge, ma deve essere più chiara”
Cronaca / Roma, 31enne precipita da un ponte del Tevere mentre si fa un selfie: è grave