Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, volontario portoghese rischia 20 anni di carcere in Italia

Immagine di copertina
Miguel Duarte.

Miguel Duarte, 26 anni, è sotto processo in Italia con l'accusa di "favoreggiamento all'immigrazione clandestina"

Migranti, volontario portoghese rischia carcere in Italia

Miguel Duarte, volontario portoghese di 26 anni, rischia fino a 20 anni di carcere in Italia. Il suo caso è tra i dossier che il premier Giuseppe Conte ha affrontato nel corso dei colloqui informali a margine del Consiglio europeo.

Duarte, che fa parte della Ong tedesca Jugend Rettet, è stato fermato nel 2017 assieme all’intero equipaggio mentre era imbarcato sulla nave Iuventa.

Si trova sotto processo dall’anno scorso nel nostro paese con l’accusa di “favoreggiamento all’immigrazione clandestina” e rischierebbe 20 anni di carcere.

La nave Iuventa, alla quale è stato dedicato un film documentario del regista Michele Cinque, era impegnata nel salvataggio dei migranti nel Mediterraneo.

“Invece di essere considerati alleati, difensori dei diritti umani che prestano il loro aiuto, siamo considerati nemici”, ha spiegato l’organizzazione per i diritti umani Amnistia Internacional Portugal che sta seguendo gli sviluppi giudiziari della vicenda.

Miguel Duarte, in Portogallo studente del Politecnico, nel suo paese è al centro di una campagna in difesa sua e degli altri volontari della Jugend Rettet, intitolata: “Salvare vite non è un crimine” e il suo caso è da mesi sulle pagine dei giornali.

volontario portoghese carcere italia Miguel Duarte
Miguel Duarte in una foto della campagna “Salvare vite non è un crimine”.

Volontario portoghese rischia carcere Italia | I colloqui a margine del Consiglio Ue

Il caso di Miguel Duarte è stato tra i temi trattati nel bilaterale informale tra Conte e il suo omologo portoghese Antonio Costa, avvenuto a margine del Consiglio Ue.

Costa è considerato un elemento di spicco del socialismo europeo e per questo, assieme al premier spagnolo Pedro Sanchez, è tra i leader in prima linea nelle trattative per le nomine dei commissari Ue.

Fonti di Palazzo Chigi, interpellate dall’Ansa, smentiscono che ci sia stato alcuno scontro tra Conte e Costa sul caso Duarte.

“Il premier Costa, spiegano, ha chiesto a Conte alcune informazioni sulla vicenda e il capo del governo italiano ha dato alcune risposte generiche anche perché – sottolineano le stesse fonti – in Italia la magistratura è indipendente e non è possibile alcuna interferenza dell’esecutivo”, si legge sul sito dell’Ansa.

“Il colloquio tra Costa e Conte è stato ‘cordialissimo, è durato diversi minuti e si è parlato solo qualche minuto di questo caso’, sottolineano le fonti governative italiane”.

Miguel Duarte | Il caso Jugend Rettet

L’ong Jugend Rettet, fondata nel 2015 dal diciannovenne Jakob Schoen e da alcuni suoi coetanei di Berlino, iniziò a soccorrere i migranti nel Mediterraneo l’anno successivo grazie ai soldi raccolti con un crowdfunding.

L’idea nacque da una decina di studenti tedeschi che, dopo la cancellazione della missione dell’Unione europea Mare Nostrum, decisero di attivarsi in prima persona per salvare vite nel Mediterraneo e, soprattutto, per fare pressione politica sull’Europa.

Con il suo equipaggio, la nave Iuventa, dell’Ong Jugend Rettet, ha salvato diverse migliaia di profughi.

Il 2 agosto 2017 la nave è stata posta sotto sequestro dalla procura di Trapani, nell’ambito di un’indagine per “condotte di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. Da allora è rimasta sotto il controllo delle autorità italiane.

Ventidue persone – dieci membri dell’equipaggio della Iuventa e gli altri appartenenti a ong diverse –  sono state iscritte nel registro degli indagati.

Tra loro c’è anche Pia Klemp, ex capitano delle navi Iuventa e Sea Watch.

Quasi 270mila persone hanno firmato una petizione per chiedere che l’Italia rinunci ai procedimenti penali contro Pia Klemp e gli altri membri dell’equipaggio che hanno salvato migliaia di migranti nel Mar Mediterraneo.

Migranti: Pia Klemp, ex capitano delle navi Iuventa e Sea Watch, rischia 20 anni di carcere

ESCLUSIVA TPI – “Salvini ci chiese di spiare le ong per far aprire un’inchiesta”: parla la talpa della Lega

“Ho lavorato su una nave ong con la talpa della Lega per mesi: ecco come hanno costruito la macchina del fango”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale
Cronaca / Nuovi casi sotto quota mille in Italia: non succedeva da settembre. 36 i morti
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale
Cronaca / Nuovi casi sotto quota mille in Italia: non succedeva da settembre. 36 i morti
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Cronaca / Gimbe: “Fino a quando Aifa non modifica i bugiardini, il mix di vaccini non è approvato”
Cronaca / 54enne muore per trombosi a 12 giorni dalla vaccinazione: aperta indagine per omicidio colposo
Cronaca / Milano, caso di variante “delta” in palestra: il contagiato aveva già completato il ciclo vaccinale
Cronaca / L’aggressione alla madre, un Tso e le segnalazioni dei vicini: chi era il killer di Ardea
Cronaca / Ardea, il killer "aveva già sparato altre volte". Ma nessuno aveva denunciato