Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, almeno 800 persone partite dalla Libia. Le ong chiedono un porto sicuro all’Italia

Immagine di copertina

Migranti, almeno 800 persone partite dalla Libia. Le ong chiedono un porto sicuro all’Italia

Aumentano le partenze dalla Libia. Sono almeno 800 i migranti partiti a bordo di diversi gommoni nel giro degli ultimi tre giorni, mentre a Lampedusa nella notte è avvenuto il terzo sbarco in poche ore: 37 persone, di cui tre donne, sono approdati con un barcone a Cala palme, dentro il porto dell’isola e sono stati fermati dalla guardia di finanza e dai carabinieri e poi accompagnati all’interno del centro di accoglienza hot spot dell’isola, che già accoglieva un centinaio di persone sbarcate ieri.

A bordo delle tre navi di Ong che monitorano la zona Sar maltese, ci sono complessivamente 367 migranti: 215 si trovano sulla Ocean Viking, che ha realizzato tre diversi salvataggi, 73 sulla Open Arms e 79 sono a bordo della Aita Mari, nave dell’omonima Ong spagnola.

Ognuna di queste navi ha chiesto un porto sicuro e attende risposta da Malta e Italia. Tuttavia non si fermano le nuove segnalazioni e richieste di aiuto. Un barcone in difficoltà con 79 persone a bordo ha chiamato intorno a mezzanotte il centralino Alarm Phone, ma la barca non è stata ancora individuata da Aita Mari.

La guardia costiera di Tripoli ha intercettato e riportato indietro almeno cinque gommoni.

“Questo apparente picco nelle partenze dalla Libia arriva in un momento in cui Tripoli e le aree circostanti stanno assistendo ad alcuni dei bombardamenti più pesanti da quando il conflitto è scoppiato ad aprile”, segnala l’Oim. Infatti, come scrive Alessandra Ziniti su Repubblica, Molti dei migranti soccorsi presentano vistose ferite d’arma da fuoco.

“È necessario un cambiamento urgente nell’approccio versola situazione in Libia”, si legge in un post dell’ente delle Nazioni Unite. “L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) è allarmata dagli ultimi sviluppi in Libia dove, nell’arco di 48 ore, sono state scoperte almeno nove imbarcazioni che trasportano più di 600 migranti sulla rotta del Mediterraneo centrale. Una decima barca è arrivata ieri a Lampedusa, in Italia”.

Ieri la commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatovic, ha sottolineato che l’Italia e l’Unione europea sono responsabili per le morti e le sofferenze dei migranti riportati indietro dalla guardia costiera libica. L’accusa è contenuta in una memoria depositata alla Corte di Strasburgo in un procedimento che vede l’Italia sul banco degli imputati.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, la telefonata del camionista: “È successo un casino”
Cronaca / Covid, 1197 nuovi casi e 28 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Asia Argento: “Minacciata di morte dopo la lite con Giorgia Meloni, i fasci non li tocco più”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, la telefonata del camionista: “È successo un casino”
Cronaca / Covid, 1197 nuovi casi e 28 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Asia Argento: “Minacciata di morte dopo la lite con Giorgia Meloni, i fasci non li tocco più”
Cronaca / Ardea, la madre del killer ai genitori dei bambini uccisi: “Gesto folle, mi unisco al vostro dolore”
Cronaca / Via libera al richiamo con Astrazeneca per gli under 60 che rifiutano il mix
Cronaca / Omicidio a Milano, uccide il fratello a coltellate davanti alla madre
Cronaca / Vaccini, il Lazio anticipa i richiami di Astrazeneca. Da luglio Moderna in farmacia
Cronaca / Superate le 45 milioni di dosi somministrate in Italia
Cronaca / A Padova si celebra una messa per i single che vogliono trovare l’anima gemella
Cronaca / L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale