Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Migranti, l’allarme della Mare Jonio: “Non abbiamo più acqua”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Migranti, Mare Jonio: “Non abbiamo più acqua”

Sulla Mare Jonio, ferma al largo dell’isola di Lampedusa, ci sono ancora trentaquattro migranti e sta finendo l’acqua dolce. Ormai manca da quasi due giorni, spiega l’equipaggio, perché la pompa del “dissalatore” si è rotta e le persone a bordo, così come i membri dell’equipaggio, sono costrette a lavarsi con le bottiglie dell’acqua potabile. Che sta finendo. Non è possibile pulire il ponte, le stoviglie, la lavanderia ed è reale il rischio di un’emergenza igienico-sanitaria.

“Il personale sanitario di bordo della Mare Jonio ha inviato alle autorità competenti una nuova richiesta urgente di entrata in porto della nave”, afferma l’equipaggio della Mediterranea Saving Humans. Una situazione “di cui le autorità sono informate già dalle prime ore di ieri mattina “, hanno spiegato dalla nave.

“Sottolineiamo che questa emergenza non può evidentemente essere risolta con il semplice invio di bottiglie di acqua. Allarmante inoltre la presenza a bordo di rifiuti derivanti dal salvataggio e dalla permanenza a bordo dei naufraghi, come i vestiti impregnati di benzina e di deiezioni”, prosegue la nota di Mediterranea.

“Il rischio di malattie comunitarie è aggravato dalla mancanza d’acqua, con conseguenti possibili danni per la salute di naufraghi ed equipaggio”, scrive l’Ong .

Ieri, giovedì 29 agosto, a Lampedusa sono sbarcati donne, bimbi e altri soggetti vulnerabili.

In alcuni video pubblicati da Avvenire e Repubblica in esclusiva, si denuncia la pericolosità del trasbordo, avvenuto di notte in condizioni meteo avverse. Nelle immagini girate, si vedono i bambini che passano di mano da una nave a un’altra con la paura che cadano in acqua a causa delle continue spinte delle onde. Le donne in stato di gravidanza, alcune anche vicine al parto, sono state costrette a saltare dal portellone della Mare Jonio alla motovedetta della Guardia Costiera italiana.

“È disumano continuare a far soffrire persone che hanno già alle spalle violenze e abusi terribili. Fateli scendere”, ha commentato il fondatore di Emergency, Gino Strada

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Carri armati diretti in Ucraina fermati sull’autostrada Salerno-Caserta: documenti non in regola
Cronaca / Roma, precipita dal quinto piano ma si rompe solo una gamba
Cronaca / Si sente male alla festa in piscina per i 18 anni dell’amico: morto un ragazzo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Carri armati diretti in Ucraina fermati sull’autostrada Salerno-Caserta: documenti non in regola
Cronaca / Roma, precipita dal quinto piano ma si rompe solo una gamba
Cronaca / Si sente male alla festa in piscina per i 18 anni dell’amico: morto un ragazzo
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Cronaca / Gallarate, due pietre d’inciampo vandalizzate in poche settimane. Il sindaco minimizza: “Una ragazzata”
Cronaca / Livorno, donna colpisce un uomo a calci e pugni in strada: il video virale
Cronaca / Chiama i carabinieri pensando che ci siano i ladri in casa, ma trova la moglie con l’amante
Cronaca / Covid, boom di nuovi casi nell’ultimo giorno: oltre 80mila. Locatelli: “Contagi sottostimati”
Cronaca / Alberto Genovese al processo: “Solo dopo aver visto i video ho capito che non voleva”
Cronaca / “La scuola fa schifo”: parla lo studente della maglietta. “Con TikTok arrivo anche a chi odia la politica. Forse solo Calenda parla ai giovani”