Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, l’unico superstite di un gommone dalla Libia: “Nessun soccorso per 11 giorni. Ho dovuto buttare in mare i miei compagni morti”

Immagine di copertina

L'odissea di Mohammed Adam Oga, unico sopravvissuto del suo gommone nella traversata del Mediterraneo

Migrante sopravvissuto a Malta: “Ho dovuto buttare in mare i miei compagni morti”

Un migrante sopravvissuto a largo di Malta racconta la sua storia: è l’unico superstite. “Ho dovuto buttare i miei compagni morti in mare, nessuno è venuto a salvarci per 11 giorni”.

Mohammed Adam Oga è l’unico sopravvissuto di un gruppo di quindici persone che si trovavano su uno dei gommoni della speranza che partono dalla Libia. La sua foto diffusa dalle Forze armate maltesi, che lo rappresenta da solo a bordo dell’imbarcazione, inginocchiato sul corpo di uno dei suoi compagni morti, ha fatto il giro del mondo. La sua drammatica vicenda ricorda come sia facile morire in un Mediterraneo dove i soccorsi in mare non ci sono.

> Migrante morto di stenti su un gommone: la foto shock che scuote Malta

Migrante sopravvissuto a Malta, l’intervista

Intervistato dal Times of Malta nell’ospedale Mater Dei de La Valletta, Mohammed, 38 anni racconta così la sua odissea: ” Eravamo in 15 tra cui una donna incinta. Non avevamo né acqua, né cibo, né carburante. Siamo partiti il primo agosto dalla spiaggia libica di Zaywa. Abbiamo pagato 700 dollari”.

migrante morto foto malta
La foto diffusa dalle Forze armate maltesi il 12 agosto

I soccorsi mai arrivati

Il migrante sopravvissuto al largo di Malta racconta: “I trafficanti ci hanno dato un Gps e ci hanno detto: andate verso Malta. Prima è finita la benzina, poi l’acqua e poi il cibo. Abbiamo cominciato a bere acqua di mare. Dopo cinque giorni sono morte le prime due persone. Poi ogni giorno ne morivano altre due”.

Mohammed racconta di come abbiano in tutti i modi cercato di chiedere aiuto, senza alcuna risposta per gli 11 giorni in cui nessuno li ha soccorsi.

“Gridavamo ‘aiuto, aiuto’, ci sbracciavamo verso le barche di passaggio, vedevamo aerei ed elicotteri passare sulla nostra testa ma nessuno ci ha soccorso. Faceva un caldo terribile e i corpi cominciavano ad andare in putrefazione. E non abbiamo avuto altra scelta che buttarli a mare”.

Le preghiere in ginocchio sul corpo del compagno

Su quel gommone, alla fine, sono rimasti in due, Mohamed e Ismail, il ragazzo di vent’anni poi trovato morto. “Lui – racconta Mohamed – a un certo punto mi ha detto: ‘Ora tocca a noi, moriamo insieme’ e ha buttato in mare il telefonino e il Gps. Io gli ho detto: ‘Io non voglio morire’.”

Mohamed non ricorda il momento in cui l’elicottero maltese lo ha soccorso e portato in ospedale. Ora ringrazia Malta e dice: “Sono fuggito quindici anni fa dal mio paese, facevo parte dell’Oromo Liberation Front”, ho vissuto in Eritrea e Sudan poi degli amici mi hanno proposto di raggiungerli in Germania e sono andato in Libia. Se dovessi tornare in Etiopia mi arresterebbero. Adesso sono solo felice di essere vivo”.

> Migranti: oltre 350 persone salvate da Malta il 5 giugno 2019
> L’ultimo favore a Salvini: non si parla più della Open Arms (di Giulio Cavalli)
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cos'è e come funziona il Super Green Pass: le nuove regole in vigore da oggi
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cos'è e come funziona il Super Green Pass: le nuove regole in vigore da oggi
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da oggi al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”