Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Un altro figlio? Non tornare a lavoro o ti facciamo morire”: dipendente minacciata dall’azienda

Immagine di copertina

La storia di Chiara, che si è rivolta alla Cgil per raccontare la sua storia

Maternità, dipendente minacciata: non tornare in azienda o ti faremo morire

“Ti conviene non tornare in azienda o ti faranno morire”. Chiara è la dipendente di un’azienda milanese. Dopo la maternità, si sente minacciata. Non riusciva a credere alle sue orecchie quando il consulente del lavoro, al suo rientro, si è presentato da lei con un’offerta di buonuscita da parte della sua azienda. La stessa azienda per cui lavorava da 15 anni e che adesso non le perdona di avere avuto un altro bambino, il secondo.

Chiara ha deciso di non accettare l’offerta, nonostante le insistenze del consulente del lavoro e nonostante le vessazioni a cui – ha capito subito – l’avrebbero sottoposta in ufficio. E così si è rivolta alla Cgil della Lombardia per avere assistenza legale.

Con il primo figlio nessun problema, tutto era andato secondo le leggi. Ma la seconda gravidanza, circa un anno fa, arriva in un clima totalmente diverso, come racconta il quotidiano Corriere della Sera. C’è stato un cambio generazionale al vertice dell’azienda familiare e il nuovo “capo” non è stato contento di sapere che Chiara era di nuovo incinta. Sembra che le abbia anche detto: “Dovevi comunicarmi che tu e il tuo compagno avevate deciso di avere un altro bambino”.

Quando torna, dopo la maternità, scopre che l’azienda ha deciso di riposizionarla. E che, addirittura, era già stata assunta un’altra persona per prendere il suo posto, e con un contratto a tempo indeterminato.

La dipendente minacciata dopo la maternità, a quel punto, si rivolge al sindacato, ma non smette di andare a lavoro, non vuole mollare. Nemmeno quando le vessazioni diventano tante ed evidenti: da responsabile di reparto si ritrova a fare fotocopie e rispondere al citofono (“ma non al telefono”), non ha accesso alla posta elettronica, deve triturare documenti e archiviare fascicoli cartacei, quando viene cambiato il cancello elettrico all’ingresso dell’azienda a lei non viene consegnato il telecomando.

Ma soprattutto, viene ignorata da tutti. “È tutto molto frustrante – ammette – ma io vado avanti perché so di avere ragione”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, riapre il Cinema Troisi. Franceschini. “Una festa per tutti”. Piccolo America: “Lavoriamo giorno e notte”
Cronaca / Moncalieri, fanno sesso su un prato in un luogo pubblico: lei viene multata per 10mila euro, lui no
Cronaca / Covid, oggi 7.852 casi e 262 morti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, riapre il Cinema Troisi. Franceschini. “Una festa per tutti”. Piccolo America: “Lavoriamo giorno e notte”
Cronaca / Moncalieri, fanno sesso su un prato in un luogo pubblico: lei viene multata per 10mila euro, lui no
Cronaca / Covid, oggi 7.852 casi e 262 morti
Cronaca / Caos vaccini: Pfizer smentisce Figliuolo, ma Cts ed Ema danno ragione al generale
Cronaca / Il figlio di Costacurta e Colombari: “Sono stato picchiato dalla polizia, mi hanno perforato un timpano”
Cronaca / Turismo vaccinale a San Marino da lunedì 17 maggio: “50 euro per la doppia dose di Sputnik”
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Cronaca / Napoli, carabiniere prende a calci un ragazzo che aveva violato il coprifuoco
Cronaca / La moglie di Beppe Grillo: "Quella notte non ho sentito nulla di anomalo"
Cronaca / “All’inizio sembrava che non volesse”: le chat di Ciro Grillo e gli amici accusati di stupro