Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

La storia di Maria: a 101 anni è sopravvissuta alla guerra, alla Spagnola e a tre ricadute del Covid

Immagine di copertina

Maria, 101 anni: sopravvissuta a guerra, Spagnola e tre ricadute del Covid

Prima l’influenza Spagnola, poi la seconda guerra mondiale, alla fine il Covid-19, per ben tre volte: la signora Maria Orsingher, 101 anni, ha attraversato ognuna di queste ere ed è riuscita a sopravvivere. A celebrarla un articolo de La Provincia di Sondrio, che ha deciso di raccontare la storia di questa anziana signora dalla tempra incredibile, che ha vissuto più vite in una e può ancora raccontarlo. Lei, che durante il secondo conflitto mondiale si è sposata e poi è stata capace di crescere sei figli adottando anche i due avuti in precedenza dal marito che era rimasto vedovo. Lei, che ha lavorato per anni come contadina e che oggi vive in una casa di riposo ad Ardenna, nella Valtellina. Lei, che negli ultimi nove mesi è risultata per tre volte positiva al tampone per il Covid-19 e altrettante volte si è negativizzata.

La signora Maria è nata il 21 luglio 1919 nella piccola frazione di Gaggio, ad Ardenno. Una vita vissuta tra i campi e gli animali da accudire, durante la quale ha vissuto solo gli acciacchi dell’età ma senza riportare grosse conseguenze. Nel 2009 si è trasferita dalla figlia a Buglio in Monte, mentre sei anni fa ha ricevuto ospitalità nella vicina casa di riposo di Ardenno. Proprio qui, la scorsa primavera Maria è risultata per la prima volta positiva al virus. “Il test – ha raccontato la figlia Ines, che con le sorelle Carla, Delfina e Rita si è sempre presa cura di lei – non lasciava dubbi, aveva il Covid. Mamma però stava bene. L’hanno curata nella Rsa, ha superato la malattia, pensavamo che il peggio fosse passato. Invece a settembre ha iniziato ad avere qualche linea di febbre, questa volta si è reso necessario il ricovero in ospedale a Sondalo dove è rimasta 18 giorni. Medici e infermieri ci chiamavano quotidianamente, anche loro stupiti dalla sua grande forza”.

Anche dopo la prima ricaduta, Maria non ha sviluppato gravi sintomi. “Nonna Maria: piccola e fragile all’apparenza, con sintomi molto lievi e un carattere di ferro. Non aveva nemmeno problemi respiratori. Il ricovero è stato più che altro cautelativo”, hanno spiegato gli operatori sanitari al Corriere della SeraDopo il secondo tampone negativo, poi, la signora è stata dimessa ed è tornata nella sua casa di riposo. Fino a quando succede l’impronosticabile: “Ci hanno chiamato dalla Rsa – ha detto ancora la figlia Ines – dicendo che durante un controllo su tutti i pazienti lei era risultata nuovamente positiva al test, l’unica in tutta la struttura, questa volta completamente asintomatica, in buone condizioni e come sempre indomita. Nemmeno loro riuscivano a crederci”.

Per fortuna, anche in questo caso l’anziana di 101 anni ha sconfitto il Covid. Uscita dall’ospedale, Maria ha chiesto come premio del risotto giallo e una porzione di polenta. “L’appetito non le è mai mancato, da giovane era il ritratto della salute. La sua medicina è sempre stata il duro lavoro. Ora speriamo solo di abbracciarla presto perché a causa del virus sono due mesi che non la vediamo. Le operatrici ci mandano le foto, ma non possiamo parlarle perché mamma purtroppo è sorda e al telefono non ci sente”, ha concluso Ines. Secondo i medici, i casi di reinfezione da Covid-19 sono davvero rari e spesso avvengono perché qualche tampone dà un falso esito negativo visto che la carica virale è così bassa che non viene riscontrata dal test. E’ ancora più raro reinfettarsi tre volte. Ma l’ultracentenaria Maria ha battuto anche questo record.

Leggi anche: 1. Calabria, Lombardia e Piemonte diventano arancioni da domenica. Liguria e Sicilia gialle / 2. Coronavirus, Iss: “Decrescita dei contagi ma a Natale evitate aggregazioni e spostamenti” / 3. Coronavirus, verso la chiusura dei ristoranti a Natale e Santo Stefano

4. Covid, la Svizzera apre le piste da sci: “Nessun focolaio, italiani benvenuti” / 5. Vaccino Astrazeneca, Pregliasco a TPI: “Per dire che è efficace al 90% ora servono nuovi approfondimenti” / 6. Chi è Guido Longo, il nuovo commissario alla Sanità della Calabria

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Brusaferro (Iss) chiede prudenza: "Rt verso stabilizzazione"
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari