Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Mare Jonio in acque italiane con 30 migranti a bordo: “Fateci sbarcare”. Salvini: “Porti chiusi”

Immagine di copertina

Mare Jonio, la nave della ong italiana Mediterranea Saving Humans, è entrata in acque italiane con a bordo 30 migranti recuperati nel tardo pomeriggio di ieri al largo delle coste libiche.

L’ong chiede l’autorizzazione a sbarcare in un porto sicuro, sottolineando che a bordo ci sono anche donne incinte e una bambina di un anno. Ma il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ribadisce la linea “porti chiusi”.

Mare Jonio: tutti gli aggiornamenti 

Nelle prime ore del mattino di oggi, venerdì 10 maggio 2019, l’imbarcazione è stata raggiunta da due unità della Guardia di Finanza per un controllo di polizia. A darne notizia è Mediterranea Saving Humans sul suo account Twitter.

“Pochi minuti fa la Mare Jonio, con a bordo le 30 persone salvate nel tardo pomeriggio di ieri a 40 miglia dalle coste libiche, è entrata acque territoriali italiane 12 miglia a sud di Lampedusa. È stata raggiunta da due unità della GDF per un ‘controllo di polizia’”, si legge nel tweet, pubblicato intorno alle 7 del mattino.

“Chiediamo ingresso in porto sicuro dove sbarcare uomini, donne incinte e bambina a bordo”, si legge in un successivo messaggio dell’ong.

La reazione del Governo italiano alla richiesta di sbarco da parte della ong sembra però di rifiuto. Nella serata di ieri, infatti, il ministro Matteo Salvini ha dichiarato che “i porti restano chiusi per la nave dei centri sociali”.

“Un conto è una nave della Marina Militare, che attraverso il suo ministro di riferimento si assumerà le proprie responsabilità, un altro una nave di privati o dei centri sociali come la Mare Jonio. Per loro, i porti restano chiusi”, ha osservato Salvini.

Salvini differenzia dunque il caso della Mare Jonio con quella della nave della Marina militare che ieri ha soccorso circa 30 migranti al largo delle coste della Libia. La nave della Marina, che risponde dunque al Ministero della Difesa, sbarcherà infatti nel porto di Augusta, dopo che il Governo ha ottenuto la disponibilità di Malta, Francia e Lussemburgo (e forse Germania e Spagna) ad accogliere i migranti recuperati dai militari italiani.

La ong Mediterranea Saving Humans è un progetto sostenuto da diverse associazioni tra cui Arci, YaBasta e la ong Sea Watch.

Mare Jonio: “Ci dirigiamo verso Lampedusa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Calci e schiaffi alle figlie, assolto il padre: il fatto non sussiste
Cronaca / Taranto, ritrovato senza vita Don Giovanni Marraffa: il mistero sulla morte
Cronaca / Ferrara, suv investe due bici e fugge: morto ragazzo di 16 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Calci e schiaffi alle figlie, assolto il padre: il fatto non sussiste
Cronaca / Taranto, ritrovato senza vita Don Giovanni Marraffa: il mistero sulla morte
Cronaca / Ferrara, suv investe due bici e fugge: morto ragazzo di 16 anni
Cronaca / Roma, 16enne abusata nell’ascensore della metro: arrestato 22enne
Cronaca / Juventus, chiesto il processo per Andrea Agnelli e altri 12 indagati
Cronaca / Ischia, trovati altri due corpi: salgono a 10 le vittime accertate della frana
Cronaca / “Dovevamo ascoltarlo di più. La colpa è anche nostra”: parla la mamma di Riccardo, il ragazzo morto prima della finta laurea
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”
Cronaca / Insegna per 20 anni senza laurea, condannata prof: “Deve restituire 314mila euro di stipendi”
Cronaca / La bugia sulla laurea e lo schianto in auto, il dolore del papà di Riccardo: “Non caricate i vostri figli di troppe aspettative”