Liliana Segre: “Il pestaggio di Willy è una barbarie assoluta: mi ha suscitato ricordi terribili”

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 10 Set. 2020 alle 09:14 Aggiornato il 10 Set. 2020 alle 09:19
1.8k
Immagine di copertina

Le parole di Liliana Segre sull’uccisione di Willy Monteiro

“Terribile. Il pestaggio di quel ragazzino non solo mi ha colpito, ma mi ha suscitato tormenti e ricordi terribili. L’ho trovata una barbarie assoluta”, lo ha dichiarato la senatrice a vita Liliana Segre in un’intervista a La Stampa, commentando la morte di Willy Duarte Monteiro, il 21enne italocapoverdiano ucciso nel corso di un pestaggio a Colleferro la notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre.

“La morte di Willy mi ha fatto molta paura. È stata come una sconfitta personale, mi ha fatto pensare che tutto ciò che ho provato a fare contro la violenza e l’odio, alla fine è servito a poco. Se ancora ci sono in giro persone che pensano di risolvere le proprie sconfitte personali picchiando il prossimo, siamo ancora in una società lontana dalla civiltà”, ha continuato Segre.

Leggi anche: 1. Caso Willy, meno male che non lo avevate nemmeno toccato: l’autopsia rivela lesioni multiple sul suo corpo 2. Il vuoto politico e sociale produce i mostri inumani di Colleferro (di G. Gambino) / 2. Se a uccidere un bianco fossero stati 4 neri sarebbe scoppiato il finimondo (di G. Cavalli) / 3. Omicidio Willy, i familiari degli arrestati: “Era solo un immigrato, non hanno fatto niente di male” / 4. “Per noi era come un figlio, sarebbe diventato un bravo chef”: parla il direttore dell’hotel dove lavorava Willy

1.8k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.