Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lampedusa, trovato barcone naufragato con 12 cadaveri a bordo

Immagine di copertina
I migranti, dopo il naufragio di un barchino con una cinquantina di persone a bordo, 22 delle quali recuperate, approdano nel porto di Lampedusa, 7 ottobre 2019. Finora sono 2 i migranti morti che sono stati portati a riva, dopo il naufragio di un barchino con una cinquantina di persone a bordo, 22 delle quali recuperate. ANSA/ PASQUALE CLAUDIO MONTANA LAMPO

Era naufragato lunedì 7 ottobre

Lampedusa, trovato barcone naufragato con 12 cadaveri a bordo

Ci sono anche i corpi di una giovane donna e di un bambino tra i cadaveri, almeno 12, che la Guardia costiera ha identificato a poche miglia dall’isola di Lampedusa, nel Canale di Sicilia. Sono le vittime del naufragio del 7 ottobre scorso. Il relitto del barcone è stato identificato a una sessantina di metri di profondità, a sei miglia dalla costa.

Nei prossimi giorni saranno effettuate le operazioni di recupero da parte della Guardia Costiera. E contestualmente proseguiranno le ricerche perché non è escluso che vi siano anche altri corpi nelle vicinanze del barcone.

I cadaveri sono stati individuati da un robot subacqueo della Guardia Costiera che da giorni perlustrava la zona. “Ci abbiamo creduto fino alla fine”, dice il procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella.

“Il personale della Guardia costiera di Lampedusa e il nucleo sommozzatori – aggiunge – non ha mollato un solo giorno, nonostante il carico di lavoro ordinario che continua a gravare sull’isola. I nostri militari hanno messo in campo tutta la loro professionalità e anche il loro cuore”.

Il barcone, ma più propriamente un “barchino” come lo hanno definito i soccorritori, era naufragato la notte tra il 6 e il 7 ottobre, alle prime luci dell’alba. Tredici i cadaveri recuperati nella prima giornata – tutti di donne – 22 i migranti portati in salvo. Ma su quante persone realmente ci fossero a bordo, ci sono tuttora dei dubbi.

Tra le vittime c’era anche una donna incinta. Tra i corpi in fondo al mare almeno otto bambini, di cui uno di 8 mesi, annegato con la mamma. “Dove sono, dove sono, dove è il mio nipotino”, ha continuato a chiedere la sorella della donna a tutti quelli che incontrava nel centro di accoglienza.

Naufragio del barcone a Lampedusa, 12 cadaveri: l’indagine della Procura di Agrigento

Sul naufragio indaga la Procura di Agrigento. “Erano tutti senza giubbotti salvagente, che in casi come questo sono l’unica speranza di salvarsi la vita”, ha detto, con un misto di disperazione e rabbia, il procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella. “Se li avessero avuti sarebbero tutti salvi”, è la conclusione.

La procura ha aperto un fascicolo a carico di ignoti ipotizzando il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e la morte come conseguenza di altro reato. Ma un paio di idee il pm se le è già fatte. Il naufragio è avvenuto verso le tre del mattino, quando i migranti hanno visto avvicinarsi le motovedette dei soccorritori.

Erano stati loro stessi a chiamare la Guardia Costiera di Palermo, che ha subito avvisato Lampedusa. “Quando sono arrivati i soccorritori il barcone, lungo una decina di metri, già imbarcava acqua e aveva il motore che non andava“, ha raccontato Vella.

Il resto l’ha fatto il mare forza 3, il buio e il terrore. “A bordo c’è stato il caos, tutti volevano andare verso le motovedette – hanno raccontato agli operatori umanitari alcuni sopravvissuti – molti sono caduti in acqua e poi la barca si è capovolta”. Se la dinamica sembra piuttosto chiara, ci sono aspetti della traversata che vanno approfonditi.

E a rendere tutta la vicenda più amara, la considerazione che la nuova tragedia del Mediterraneo si è consumata a pochi giorni dall’anniversario della strage del 3 ottobre 2013. Quell’anno, i potenti del mondo dissero: “Mai più”. E invece nel Mediterraneo si continua a morire.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donna uccisa a coltellate a Vittoria, fermato il killer: “Omicidio casuale”
Cronaca / “Impossibile ignorare quelle fanciulle in fiore”: polemiche sul libro del prof che ha dato della “zoccoletta” a un’alunna
Cronaca / Stromboli, domato l’incendio scoppiato sul set di una fiction con Ambra Angiolini
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donna uccisa a coltellate a Vittoria, fermato il killer: “Omicidio casuale”
Cronaca / “Impossibile ignorare quelle fanciulle in fiore”: polemiche sul libro del prof che ha dato della “zoccoletta” a un’alunna
Cronaca / Stromboli, domato l’incendio scoppiato sul set di una fiction con Ambra Angiolini
Cronaca / Falcone spiato, dopo l’inchiesta di TPI presentata un’interrogazione in Senato
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022