Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Gioele, l’ex carabiniere autore del ritrovamento: “L’ho trovato dove altri non hanno cercato. Un dono di Dio”

Immagine di copertina

Gioele Mondello, l’ex carabiniere Di Bello che ha trovato i resti

Giuseppe Di Bello, 55 anni, ex carabiniere di Capo D’Orlando, ha trovato quelli che quasi certamente sono i resti del piccolo Gioele nel suo primo giorno di ricerche. Per trovare il corpo del bambino di 4 anni scomparso il 3 agosto nei pressi di Caronia, insieme alla mamma Viviana Parisi, la dj trovata morta a qualche centinaio di metri, sono state messe in campo squadre speciali di ricerca con l’ausilio di droni e cani molecolari che hanno cercato il piccolo per 16 giorni. Il carabiniere in congedo, invece, aveva raccolto l’appello di Daniele Mondello, il padre di Gioele, ieri mattina unendosi ad alcune centinaia di volontari che hanno cominciato a perlustrare la zona attorno all’autostrada Messina-Palermo, e ha trovato quello che resta del corpicino in un giorno, dove nessuno finora si era spinto nelle ricerche. Nella boscaglia più fitta.

“L’ho trovato dove gli altri non lo hanno cercato. Sono arrivato dove nessuno era ancora arrivato”, ha spiegato ai giornalisti Di Bello. “Come è finito, secondo lei, Giole lì?”, gli chiedono. E l’ex carabiniere risponde: “Non mi interessa, saranno i magistrati a scoprirlo”. Il corpicino che quasi certamente appartiene al bambino di 4 anni era straziato “dagli animali selvatici. È stato un dono di Dio, ritrovarlo”, aggiunge il carabiniere in congedo. Francesco Radici, un altro volontario che era insieme all’ex miliare, ha raccontato che Di Bello “aveva in mano una falce con cui si è fatto largo in mezzo ai rovi e a una fitta vegetazione fino a trovare i resti”.

Dalle prime ipotesi sembra che gli animali, cani o maiali, hanno trascinato il corpo del bambino in mezzo a quella boscaglia, a circa 700 metri dal traliccio dove è stata trovata la mamma. “È stato straziante vedere quel tronco di bambino senza arti, con un pezzetto di femore e null’altro”, dichiara uno dei soccorritori. “C’è anche un ciuffo di peli, non si sa se sono del bimbo o di un animale accanto ai resti”.

Leggi anche: Giallo di Caronia, verifiche in corso su una segnalazione: “Trovati resti ossei. È Gioele al 99 per cento”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino
Cronaca / Roma, professore taglia ciocca capelli a ragazza iraniana: “Non sostieni la protesta?”
Cronaca / Napoli, professore ucciso: fermato un collaboratore scolastico
Cronaca / Morto sul lavoro operaio vicino Teramo, caduto dal tetto per dieci metri
Cronaca / Roma, ballerina travolta dagli insulti per aver messo la sua foto in un annuncio
Cronaca / Duro scontro durante una partita di calcio, 20enne in gravi condizioni: è intubato
Cronaca / Allarme batterio Listeria, wurstel contaminati ritirati dai supermercati: in Italia 6 morti sospette