Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Gilet arancioni in piazza a Roma, l’esilarante discorso su Conte, Bill Gates e il 5G

Immagine di copertina

Gilet arancioni, l’esilarante discorso su Conte e Bill Gates

Ieri, martedì 2 giugno, durante la manifestazione dei gilet arancioni in piazza del Popolo a Roma, tra proclami sul ritorno alla lira e negazionisti del Covid, una delle manifestanti ha preso la parola pronunciando un discorso surreale. “Quando Conte telefona a Bill Gates, sulle nostre spalle prendendo 140 milioni, decide di iniettare il mercurio nelle nostre vene, collegate ai 5G… e diventeremo dei piccoli robot… Se tu vuoi ammazzarmi, basta alzare la temperatura del mio corpo e io muoio. Perché gli va così”, ha urlato la donna sul palco montato su un camion. “Davanti a questo dobbiamo adirarci e essere 80 volte di più quelli che siamo in questa piazza. Quando non abbiamo i soldi per andare all’Università, a un popolo come vogliono loro è possibile dire: vi facciamo il vaccino. Questo non succede in un Paese ‘acculturato’, dove la gente può studiare. Dobbiamo ripartire dalla scuola”, ha aggiunto tra gli applausi del pubblico.

Erano centinaia le persone in piazza ieri pomeriggio, assembrate senza mascherine e senza rispettare il distanziamento, guidate dall’ideatore del movimento, l’ex generale e attivista dei “Forconi” Antonio Pappalardo, che dallo stesso palco ha esclamato: “Abbracciatevi tutti ‘dice se vi abbracciate potete prendere il coronavirus’, e vediamo se viene. Me li curo da me i polmoni, già ci sono ricoveri delle persone per aver indossato la mascherina troppo tempo. Ci sono 7 virologi che hanno inviato una diffida al governo”. Accanto a Pappalardo campeggiava la foto dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Durante la protesta una troupe di La7 è stata aggredita in diretta.

Gilet arancioni in piazza, il surreale discorso su Conte e Bill Gates


Leggi anche:

1. Roma, gilet arancioni in piazza del Popolo senza protezioni. Pappalardo: “Abbracciatevi!”. Troupe di La7 aggredita in diretta 2.  Per la Festa della Repubblica in piazza ci vanno i nemici della Repubblica 3. “Il virus non esiste”: i gilet arancioni in piazza a Milano e Roma violano tutte le norme anti-Covid 4. Chi è il generale Pappalardo, leader dei gilet arancioni che vuole arrestare Mattarella e non crede al Covid 5. Centrodestra in piazza, assembramenti e niente mascherine per il corteo di Salvini e Meloni

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Nudo nella fontana di piazza della Repubblica a Roma, agenti in acqua per fermarlo: arrestato | VIDEO
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Cronaca / Picchiata e minacciata di morte perché voleva “vivere all’occidentale”. 18enne fa arrestare il padre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Nudo nella fontana di piazza della Repubblica a Roma, agenti in acqua per fermarlo: arrestato | VIDEO
Cronaca / Patrick Zaki è stato scarcerato: “Sto bene, forza Bologna!”
Cronaca / Picchiata e minacciata di morte perché voleva “vivere all’occidentale”. 18enne fa arrestare il padre
Cronaca / Immacolata, il Papa a sorpresa in piazza di Spagna
Cronaca / Immacolata 2021, supermercati e negozi aperti o chiusi l’8 dicembre
Cronaca / Scarcerazione Zaki, l’amica e collega a TPI: “Siamo increduli e felici, ma continuiamo a combattere. Non è ancora libero”
Cronaca / Covid, l’allarme dell’ECDC: “La situazione è molto grave con le feste può peggiorare”
Cronaca / Covid, oggi 15.756 casi e 99 morti: tasso di positività al 2,3%
Cronaca / Latina, ragazza aggredita a calci e pugni da tre bulle per un sguardo
Cronaca / Blitz antimafia, 32 arresti nel Foggiano. “Il mare è nostro”: il clan si era preso anche la pesca