Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

Nuovo scontro tra Galli e Porro in diretta: “Poveraccio, energumeno”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 12 Ott. 2020 alle 09:15 Aggiornato il 12 Ott. 2020 alle 09:28
300
Immagine di copertina

“Nicola Porro mi ha dato del ‘poveraccio’? Credo che la madre dei poveri di spirito sia sempre molto fertile. Ma poi poveraccio de che? Quello che fa impazzire determinate persone è che il sottoscritto non abbia né da presentarsi in politica, né da promuovere libri, né da trovare la maniera di fare maggiori consulenze a questa o quell’altra casa farmaceutica“. Così, ai microfoni de “La Zanzara” (Radio24), Massimo Galli, primario del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, risponde a distanza al giornalista Nicola Porro, che sul suo sito ufficiale ha attaccato più volte l’infettivologo dopo una rovente polemica avvenuta nella trasmissione “Stasera Italia”, su Rete4.

“Io per principio – puntualizza Galli – non ho preso, non prendo e non prenderò mai nessun tipo di cachet dalla televisione. Se mi affidassero un programma culturale in un palinsesto, sarebbe diverso, perché quello è un’opera di ingegno. Non ritengo corretto farsi pagare per un’ospitata televisiva, dopodiché tutto il mondo si fa pagare per la qualsiasi. Ma io non intendo adeguarmi a questa abitudine di prendere soldi per andare a parlare in televisione. Tuttavia, non critico in modo eccessivo chi lo fa”.

Riguardo alla manifestazione odierna dei negazionisti del Covid, Galli osserva: “Eventi di questo genere non li proibirei, perché credo che in democrazia non sia opportuno vietare niente, altrimenti cose che magari non avrebbero grande riscontro sarebbero costellate di vittimismo. Lasciamo perdere. Purtroppo, però, in tv “the show must go on” e quindi vedi persone che portano avanti ipotesi screditate hanno comunque molta audience. E più si litiga, meglio è. Una cosa però ho imparato – spiega – quando so che in una trasmissione televisiva avrò di fronte qualcuno che porta avanti tesi assolutamente inaccettabili dal punto di vista scientifico, cerco di non essere presente e di non essere parte del dibattito, perché c’è il rischio che un’affermazione basata su fatti scientifici venga considerata di pari dignità con quello sostenuto da quelle persone. E, visto che non è di pari dignità, noi dovremmo fare in modo di evitare questi dibattiti. Confrontarmi con Enrico Montesano in tv sul Covid? Credo proprio di no, con tutto il rispetto“.

[Nel video: lo scontro dell’8 ottobre 2020]

Leggi anche: 1. Crisanti a TPI: “I tamponi fai da te sono una buffonata. Zaia venditore di fumo”; // 2. De Magistris a TPI: “De Luca è un tiranno, mi ha escluso da tutto. Il Covid l’ha smascherato. Serve la verità e io ho il dovere di dirla”; // 3. L’assessore alla Sanità del Lazio a TPI: “Lockdown inevitabile se i contagi non scendono”; // 4. Ecco a voi i nuovi sovranisti: ignoranti individualisti e negazionisti che cianciano di dittatura sanitaria

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

300
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.