Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Funivia Stresa-Mottarone: i tre arrestati hanno ammesso. La pm: “Freno manomesso consapevolmente”

Immagine di copertina
Foto Ufficio stampa Vigili del Fuoco/LaPresse

Tra le persone arrestate anche Luigi Nerini, proprietario della società che gestisce l'impianto

Tre persone sono state arrestate nella notte per la tragedia della funivia Stresa-Mottarone, dopo una serie di interrogatori serrati sul crollo della cabina della funivia in cui sono  morte 14 persone, tra cui due bambini. Si tratta di Luigi Nerini, proprietario della società che gestisce l’impianto, la Ferrovie Mottarone srl, il direttore Enrico Perocchio e il capo servizio Gabriele Tadini. A disporre gli arresti è stato il procuratore della Repubblica di Verbania, Olimpia Bossi, che con il pm Laura Carrera coordina le indagini dei carabinieri.

I tre hanno “ammesso” che il freno non è stato attivato volontariamente, come ha dichiarato il comandante provinciale dei carabinieri di Verbania, tenente colonnello Alberto Cicognani. “Il freno non è stato attivato volontariamente? Sì, sì, lo hanno ammesso”, dice l’ufficiale dell’Arma ai microfoni di Buongiorno Regione, su Rai3. “C’erano malfunzionamenti nella funivia, è stata chiamata la manutenzione, che non ha risolto il problema, o lo ha risolto solo in parte. Per evitare ulteriori interruzioni del servizio, hanno scelto di lasciare la ‘forchetta’, che impedisce al freno d’emergenza di entrare in funzione”.

Il sistema d’emergenza dei freni manomesso. Pm: “gesto consapevole”

L’analisi dei reperti ha permesso di accertare che “la cabina precipitata presentava il sistema di emergenza dei freni manomesso“. Un “gesto materialmente consapevole“, per “evitare disservizi e blocchi della funivia”, che da quando aveva ripreso servizio, presentava “anomalie”. La cosiddetta “forchetta, il divaricatore che tiene distanti le ganasce dei freni che dovrebbero bloccare il cavo portante in caso di rottura del cavo trainante, sarebbe stata volutamente inserita per evitare di dover fermare l’impianto nella giornata di domenica, in cui era previsto un buon afflusso di turisti. Il giorno precedente all’incidente, sabato 22 maggio, c’era già stato un blocco. “Da quanto ci è stato riferito”, aveva detto ieri la pm Bossi,  “sabato pomeriggio la funivia si è fermata e c’è stato un intervento per rimetterla in funzione”.

Come riporta l’agenzia Ansa citando la procuratrice Olimpia Bossi, la funivia del Mottarone “era da più giorni che viaggiava in quel modo e aveva fatto diversi viaggi”. Degli interventi tecnici, per rimediare ai disservizi, erano stati “richiesti ed effettuati”, uno il 3 maggio, ma “non erano stati risolutivi e si è pensato di rimediare”. Così, “nella convinzione che mai si sarebbe potuto verificare una rottura del cavo, si è corso il rischio che ha purtroppo poi determinato l’esito fatale“, sottolinea il magistrato, che parla di “uno sviluppo consequenziale, molto grave e inquietante, agli accertamenti svolti”.

Gli interrogatori di ieri a dipendenti e tecnici dell’impianto sono durati oltre 12 ore. Nei confronti dei tre fermati, per i quali la procura di Verbania chiederà nelle prossime ore la convalida del fermo e la misura cautelare, è stato raccolto quello che il procuratore Olimpia Bossi definisce “un quadro fortemente indiziario“, ma si valuteranno “eventuali posizioni di altre persone”, che avevano, “dal punto di vista giuridico ed economico, la possibilità di intervenire. Coloro che prendevano le decisioni”, e che non lo hanno fatto, secondo gli investigatori. “Si è tutto accelerato nel corso del pomeriggio e di questa notte”, ha detto Bossi lasciando la caserma. “Nelle prossime ore cercheremo di verificare, con riscontri di carattere più specifico, quello che ci è stato riferito”.

Leggi anche: 1. Incidente Stresa, parla il passeggero che ha rinunciato a salire: “Avevo fatto il biglietto. Ho cambiato idea” /2. Le testimonianze: “Scesa dalla funivia prima della tragedia”; “Un boato pazzesco” /3. Tragedia sulla funivia Stresa-Mottarone, cosa sappiamo sulle cause dell’incidente /4. Funivia Mottarone, il drammatico racconto del primo soccorritore: “C’era un giovane che respirava ancora e sotto di lui un bambino con gli occhi chiusi” /5. Funivia Stresa-Mottarone, parla la zia di Eitan, il bambino sopravvissuto: “Siamo qui per lui: ha 5 anni, e ha perso genitori e fratellino”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, la telefonata del camionista: “È successo un casino”
Cronaca / Covid, 1197 nuovi casi e 28 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Asia Argento: “Minacciata di morte dopo la lite con Giorgia Meloni, i fasci non li tocco più”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sindacalista ucciso, la telefonata del camionista: “È successo un casino”
Cronaca / Covid, 1197 nuovi casi e 28 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Asia Argento: “Minacciata di morte dopo la lite con Giorgia Meloni, i fasci non li tocco più”
Cronaca / Ardea, la madre del killer ai genitori dei bambini uccisi: “Gesto folle, mi unisco al vostro dolore”
Cronaca / Via libera al richiamo con Astrazeneca per gli under 60 che rifiutano il mix
Cronaca / Omicidio a Milano, uccide il fratello a coltellate davanti alla madre
Cronaca / Vaccini, il Lazio anticipa i richiami di Astrazeneca. Da luglio Moderna in farmacia
Cronaca / Superate le 45 milioni di dosi somministrate in Italia
Cronaca / A Padova si celebra una messa per i single che vogliono trovare l’anima gemella
Cronaca / L’omogeneizzato comprato al supermercato era scaduto nel 2019: bimbo di 8 mesi all’ospedale