Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Firenze, svastica davanti alla casa di una famiglia ebraica in pieno centro

Immagine di copertina

Firenze, svastica davanti alla casa di una famiglia ebraica in pieno centro

Ancora un episodio di antisemitismo in Italia. In via Antonio Scialoja, nel quartiere fiorentino di Campo di Marte, è comparsa una svastica sul selciato di fronte all’abitazione di una famiglia di origine ebraica. Lo denunciano due consiglieri comunali del gruppo Sinistra Progetto Comune, Antonella Bundu e Dmitrji Palagi, affermando che la svastica apparsa ieri “non è ancora stata rimossa”.

A fare la prima segnalazione era stata proprio Antonella Bundu, consigliera e già candidata sindaca di Firenze con la lista Sinistra Progetto Comune. Soltanto qualche settimana fa, alla vigilia della giornata della Liberazione del 25 aprile, in Emilia-Romagna erano comparse svastiche e scritte ingiuriose sulle pareti del municipio di Cavriago.

Condanniamo fermamente il gesto e chiediamo che venga rimossa al più presto – dichiarano Bundu e Palagi in una nota – Non dobbiamo più tollerare alcuna forma di antisemitismo. Troppo spesso ultimamente assistiamo, in Italia e nel mondo, a episodi di discriminazione razziale. Il simbolo della svastica che è stato tracciato ieri ci riporta con la mente agli anni più bui dell’ultimo secolo. Il gesto vigliacco e intimidatorio non può essere derubricato come una semplice ragazzata, perché chi ha vissuto quel periodo e chi lo ha studiato sa bene che non c’è spazio alcuno per rigurgiti di nazifascismo. Come Sinistra Progetto Comune portiamo la nostra solidarietà alla famiglia coinvolta, sapendo che quella svastica non indigna e offende solo loro, ma tutte e tutti noi”.

Leggi anche: Torino, scritta nazista “Sieg Heil” e svastica sulla casa della figlia di un partigiano

“Qui c’è un ebreo”: scritta nella notte sulla porta di casa del figlio di una deportata a Mondovì (Cuneo)

Ci sforziamo di ricordare ma non riusciamo più a vedere: buona Giornata della Memoria (di Giulio Cavalli)

“Qui abita un ebreo, Gesù”: la scritta contro l’antisemitismo sulla porta di una chiesa

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Aggressione omofoba a Torre Annunziata: 34enne picchiato da sette uomini
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Ambiente / Amianto, Solvay dovrà risarcire 558mila euro al figlio di un operaio morto per carcinoma
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Aggressione omofoba a Torre Annunziata: 34enne picchiato da sette uomini
Cronaca / Rimosse due vertebre, raddrizzata schiena curva di 100 gradi: l’intervento senza precedenti a Bologna
Ambiente / Amianto, Solvay dovrà risarcire 558mila euro al figlio di un operaio morto per carcinoma
Cronaca / Diciassettenne vuole vaccinarsi contro il Covid e trascina in tribunale i genitori no vax
Cronaca / Il disturbatore tv Gabriele Paolini condannato a 8 anni per induzione alla prostituzione e pedofilia
Cronaca / Il Vaticano contro il ddl Zan sull’omotransfobia: “Così l’Italia viola il Concordato”
Cronaca / Variante Delta, l’Italia al 5° posto nel mondo per diffusione: ecco quali sono le regioni più colpite
Cronaca / Il governo britannico risponde a Draghi: "La finale degli Europei sarà a Wembley"
Politica / Il sorprendente sondaggio su Roma: Raggi davanti a Gualtieri e Michetti in testa
Cronaca / In Italia 15,9 milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi