Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Arezzo, escluso dalla gita scolastica ad Amsterdam, restò traumatizzato: 32enne fa causa all’ex liceo e chiede 400 mila euro

Immagine di copertina

L'esclusione dal viaggio venne motivata con l'opportunità che il giovane, che andava male a scuole, rimanesse a casa a studiare per recuperare

Escluso dalla gita, resta traumatizzato: fa causa al liceo per 400 mila euro

I suoi voti non erano buoni, quindi ad Endri Begaj, studente albanese del liceo Città di Piero della Francesca di Sansepolcro, in provincia di Arezzo, fu vietato di partecipare alla gita scolastica ad Amsterdam. Oggi, 12 anni dopo, il “caso” arriva in tribunale perché Begaj ha denunciato la scuola per averlo traumatizzato e ha chiesto un risarcimento danni da 400 mila euro. A raccontare i fatti è il Corriere di Arezzo.

Endri Begaj, all’epoca dei fatti aveva 20 anni. Il suo rendimento scolastico era scadente, quindi l’esclusione dalla gita ad Amsterdam venne motivata con l’opportunità che il giovane rimanesse a casa a studiare per recuperare nelle materie dove era messo male.

Ma, stando a quanto racconta l’avvocato che lo assiste Gabriele Magrini, l’esclusione dalla gita scolastica peggiorò la situazione dello studente. Ci furono ulteriori contrasti con l’istituto, tanto che a un certo punto Begaj fu proprio espulso. La dirigenza della scuola si rifiutò poi di riaprire le porte allo studente anche in presenza di una diffida dell’ufficio scolastico regionale.

L’avvocato Magrini è riuscito a ribaltare in Corte d’Appello a Firenze la situazione processuale: i giudici hanno stabilito che il caso dovrà essere trattato nel merito dal tribunale civile ordinario, non da quello amministrativo e la prima udienza sarà nel 2020. Alla scuola e al Ministero, le controparti dell’ex studente, tocca pagare le spese legali.

Il caso di Sansepolcro ebbe eco nazionale e vi fu pure una interrogazione parlamentare.

Ora se c’è stata violazione di un diritto costituzionale o no dovranno stabilirlo i giudici.

Il bus non riesce a caricarlo, bambino in carrozzina deve rinunciare alla gita
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”