Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca » Roma

“Quando esco dall’ospedale mi sposi?”, le ultime parole del sindaco eroe di Rocca di Papa

Immagine di copertina
Emanuele Crestini e la sua compagna

Sindaco Rocca di Papa fidanzata | Emanuele Crestini, sindaco di Rocca di Papa è morto venerdì 21 giugno. “È morto in nome dei suoi cittadini e dei suoi dipendenti” che ha provato a salvare dopo l’esplosione del palazzo comunale lo scorso 11 giugno.

Morire per la politica. Nel 2019 – L’editoriale di Giulio Gambino su TPI

Il sindaco di Rocca di Papa non si è distinto solo per il suo forte senso civico, ma ha commosso milioni di italiani anche per il suo gesto d’amore. Sul letto dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma, dove si trovava ricoverato da dieci giorni, ha chiesto la mano della sua fidanzata Veronica Cetroni.

“Appena arrivata, mi è passato davanti su una barella. Mi ha stretto la mano e mi ha chiesto: “Quando esco di qua, mi vuoi sposare?” e io, naturalmente, gli ho risposto “sì amore””. A riportare le ultime parole di Emanuele Crestini è proprio la compagna a cui il sindaco era legato da sette anni.

In un’intervista rilasciata al quotidiano Il Messaggero, la 28enne commercialista dei Castelli Romani ha dichiarato: “Emanuele aveva inalato troppo fumo tossico nei suoi polmoni perché invece di scappare via era risalito sopra ai piani più alti per dire a tutti di uscire e mettersi in salvo lui era fatto così, pensava sempre agli altri, buono e generoso. Sulla barella d’ospedale mi ha chiesto di sposarlo”.

“Come era premuroso con gli altri lo era anche con me”, racconta la fidanzata di Crestini.

E continua: “Adorava i motori e i rally, passione ereditata dal papà che era rimasto cieco quando lui era ancora piccolo. Ma poi passava la domenica a curare il grande orto nel terreno di casa, diceva che avrebbe voluto fare anche il contadino. Adorava le rose che coltivava con attenzione e ogni mattina, insieme con la colazione, me ne portava una”.

Ma le cose non sono andate come speravano Emanuele e Veronica. Il decesso di lui ha spezzato il loro sogno d’amore. “Una favola che resta nei cuori di chi lo ha amato. Ora però ci sarà l’autopsia, poi il funerale. Dovevamo festeggiare, invece…”, conclude con rammarico la compagna.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Disturbi psichiatrici, raddoppiati i casi tra gli adolescenti, gli esperti avvertono: “Intervenire”
Cronaca / Emanuele Filiberto: “I gioielli di Casa Savoia? Andremo fino alla Corte Europea”
Cronaca / Covid, 155.697 casi e 389 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Disturbi psichiatrici, raddoppiati i casi tra gli adolescenti, gli esperti avvertono: “Intervenire”
Cronaca / Emanuele Filiberto: “I gioielli di Casa Savoia? Andremo fino alla Corte Europea”
Cronaca / Covid, 155.697 casi e 389 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Bollette luce e gas, come difendersi dai rincari record
Cronaca / Inps, arriva il servizio “Pensami”: aiuterà le persone a conoscere il loro futuro pensionistico
Cronaca / Quirinale, una dodicenne si fa portare a Roma per l’elezione: “Da grande farò politica”
Cronaca / Green pass, durata illimitata per i guariti e chi è vaccinato con la terza dose
Cronaca / Quirinale, Casini, Draghi e Belloni in pole. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%