Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Vaccini, Curcio (Protezione civile): “Troppi non si prenotano, parte del Paese ascolta sussurri complottisti”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/CLAUDIO PERI

“Troppi non si prenotano per le vaccinazioni”. A denunciarlo è il capo del Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, secondo cui “un pezzo di Paese, purtroppo, ascolta ogni sussurro complottista“. In un’intervista concessa a Repubblica, Curcio ricorda i tanti “dispersi” della campagna di vaccinazione in corso in Italia contro la Covid-19.

“Mancano molti cittadini all’appello. Persone anziane o povere non raggiunte dalle informazioni? Vecchi senza figli che possano aiutarli? No vax? Possiamo chiamarli i dispersi e una delle funzioni della Protezione civile è ritrovarli, portarli alla vaccinazione”, spiega il capo della Protezione civile in prima linea nella campagna di immunizzazione contro il nuovo Coronavirus, tornando anche sul caso AstraZeneca, di cui ha personalmente ricevuto la prima dose.

“Senza fiducia la più grande vaccinazione di massa mai progettata non si realizza”, afferma Curcio, che dopo il vaccino sostiene di non aver sofferto “nessuna reazione avversa, neppure 37 di febbre”. Il capo della Protezione civile chiede alla popolazione di vaccinarsi senza paura e sottolinea le priorità della campagna in corso.

“Dobbiamo salvare vite, mettere in sicurezza gli anziani e i fragili. Come si può convivere con 358 morti al giorno? Si è diffuso un cinismo della tabella, la conta quotidiana ci fa perdere il senso delle tragedie. Quando avremo messo in sicurezza gli over 80, gli over 70 e anche gli over 60 potremo ragionare su un Piano vaccinazioni più flessibile, uscire dalla rigidità anagrafica”.

Proprio il principio della vaccinazione per fasce d’età ha provocato nuove polemiche tra il Governo e le Regioni, in particolare la Campania guidata da Vincenzo De Luca. “Dobbiamo invertire la prospettiva. Non c’è uno Stato centrale e poi De Luca. C’è uno Stato fatto dal Governo romano e dalle Regioni, dalle province e dalle microautonomie. Sono loro a conoscere il territorio, noi abbiamo l’onere di tenere un filo comune, usare un linguaggio valido per tutti”, ricorda il capo della Protezione civile. “Quando vado nei territori, i Presidenti mi parlano, non ringhiano. E da qui, Via Ulpiano a Roma, provo a far dialogare la Protezione civile regionale con la sanità regionale. Cerchiamo le soluzioni migliori e alla fine, certo, vanno rispettate da tutti”.

Intanto la campagna vaccinale prosegue, pur con alcuni ritardi sulla tabella di marcia. Il Governo ha infatti stabilito l’obiettivo di 500 mila vaccinazioni al giorno, un orizzonte ancora lontano. “Stiamo crescendo lentamente, ma stiamo crescendo. Siamo arrivati a trecentomila iniezioni al giorno e andremo oltre. La questione è che non ci sono abbastanza vaccini per far girare la macchina al massimo. Andiamo – dice il generale Figliuolo – a 315 l’ora, potremmo andare a 600″. Il capo dipartimento poi rassicura: non si stanno facendo scorte nei frigoriferi, se non per i richiami. Secondo Curcio, il 16 per cento di dosi consegnate non ancora somministrate è “una percentuale fisiologica”.

La precedenza va data comunque alla protezione dei più fragili. Per concludere la vaccinazione degli over 80 – annuncia il capo della Protezione civile – si dovrà attendere “fine aprile, inizio maggio”. “Potremmo usare le dosi di Johnson & Johnson per finire questo lavoro”.

Leggi anche: Il governo punta alla ripartenza a maggio. Possibili segnali di apertura a fine aprile / Come cambia il colore delle regioni: in 6 passano all’arancione, la Sardegna diventa rossa / No dell’Ue alla diffusione degli atti sulla preparazione dell’Italia alla pandemia: “Mina la sicurezza pubblica” /  Se i governi europei guardano alla paura e non alle statistiche (di L. Telese)La rabbia delle piazze nasce dalle incongruenze di questo esecutivo: chi governa dovrebbe saperlo (di Marco Revelli) / Chi fa da sé fa male all’Europa: il caso AstraZeneca mostra l’incapacità degli Stati di agire con una voce sola (di Marta Vigneri)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Partorisce in casa dopo 30 ore di travaglio: neonato nasce morto. Indagate due ostetriche
Cronaca / “Se il nostro striscione ce l’hanno quelli del Napoli sarà guerra civile”: la minaccia di alcuni ultras della Roma
Cronaca / Litiga con la moglie e tenta di togliersi la vita: salvato dai carabinieri
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Partorisce in casa dopo 30 ore di travaglio: neonato nasce morto. Indagate due ostetriche
Cronaca / “Se il nostro striscione ce l’hanno quelli del Napoli sarà guerra civile”: la minaccia di alcuni ultras della Roma
Cronaca / Litiga con la moglie e tenta di togliersi la vita: salvato dai carabinieri
Cronaca / Brescia, si ribalta auto sulla provinciale: a bordo erano in sei, uno nel bagagliaio
Cronaca / Forte terremoto in Turchia. Ripresa la circolazione dei treni in Calabria, Puglia e Sicilia
Cronaca / Massiccio attacco hacker in Italia e nel mondo. Migliaia i server bloccati
Cronaca / Chi è Salvatore Baiardo, l’ex tuttofare dei fratelli Graviano a Non è l’Arena
Cronaca / Arianna Mihajlovic ricorda Sinisa: “Ogni notte per me è una tempesta di pensieri”
Cronaca / Agguato degli ultras della Stella Rossa ai tifosi della Roma dopo la partita con l’Empoli | VIDEO
Cronaca / Paola Egonu, il sindaco di Cittadella non ci sta: “Ma quale razzismo, in Turchia guadagna milioni. Venga tra la gente”