Covid ultime 24h
casi +22.865
deceduti +339
tamponi +339.635
terapie intensive +64

Covid, ultime notizie. Vaccino, AstraZeneca efficace solo al 10 per cento su variante sudafricana. Pretoria sospende utilizzo. Distribuzione monoclonali affidata a commissario Arcuri

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 8 Feb. 2021 alle 06:27 Aggiornato il 8 Feb. 2021 alle 20:58
1
Immagine di copertina

Covid, le ultime notizie di oggi (8 febbraio 2021) in Italia e nel mondo

COVID ULTIME NOTIZIE OGGI – Oltre un milione di persone ha ricevuto la doppia dose di vaccino in Italia, ma la campagna prosegue tra difficoltà e ritardi nelle consegne da parte delle case farmaceutiche (qui i dati in tempo reale). Di seguito tutte le ultime notizie sul Covid 19 in Italia e nel mondo di oggi, lunedì 8 febbraio 2021, aggiornate in tempo reale.

LA DIRETTA – COVID ULTIME NOTIZIE

Ore 20,55 – Ue, Lagarde: “Vaccini danno speranza, ma prospettive ancora incerte” –  I vaccini anti-Covid “danno speranza” ma le prospettive Ue restano “ancora incerte”. A dirlo la presidente della Bce Christine Lagarde, che ha sottolineato che “aumento casi, varianti e misure restrizione sono rischio per economia”. In aula plenaria al Parlamento europeo, Lagarde ha sottolineato che è “essenziale erogare velocemente il Recovery fund” e che i “fondi siano usati per riforme strutturali e investimenti verso la crescita”.

Ore 20.35 – Monoclonali: distribuzione affidata a commissario Arcuri. Istituito fondo di 400 milioni per acquisto di farmaci e vaccini – La distribuzione dei farmaci con anticorpi monoclonali è effettuata dal Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19. Lo prevede il decreto del ministro della Salute ”Autorizzazione alla temporanea distribuzione dei medicinali a base di anticorpi monoclonali per il trattamento di Covid-19” pubblicato in Gazzetta ufficiale. Per l’acquisto e la distribuzione di farmaci (come i monoclonali) e di vaccini è prevista anche l’istituzione di un fondo ad hoc, con una dotazione di 400 milioni di euro da destinare all’acquisto dei vaccini anti SARS-CoV-2 e dei farmaci per la cura dei pazienti con COVID-19.

Ore 19.45 – Lombardia, dettagli sulle vaccinazioni agli over 80 in settimana – “Con riferimento alle anticipazioni di agenzia riguardanti gli aspetti operativi relativi alla fase vaccinale destinata agli over 80, la direzione generale Welfare di Regione Lombardia informa che tutti i dettagli saranno resi noti nel corso di questa settimana, una volta confrontato il piano operativo con i vertici delle Ats, dei medici di medicina generale, i sindaci e gli enti locali, ai fini di una comunicazione corretta e condivisa”. Lo ha comunicato oggi in una nota la Regione Lombardia.

Ore 19.15 – Vaccini, Regno Unito ordina 50 milioni dosi contro varianti – Il ministro della Salute britannico, Matt Hancock, ha confermato che il Regno Unito ha ordinato 50 milioni di dosi del vaccino CureVac rivolto specificatamente contro le varianti del Covid identificate di recente. Lo riporta l’Agi. Secondo l’accordo stretto con l’azienda tedesca, i sieri “saranno spediti più avanti nell’anno se richiesti”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Ore 18.30 – Oms: preoccupati dopo lo stop dato dal Sudafrica ad AstraZeneca – “Ci preoccupa la notizia che il Sudafrica ha deciso di bloccare le vaccinazioni con AstraZeneca dopo che uno studio ha dimostrato la scarsa efficacia” contro la variante sudafricana del Covid. Lo ha detto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel consueto briefing sul coronavirus. “È vitale che i Paesi ci continuino a segnalare la scoperta di nuove varianti in modo che le aziende che producono i vaccini possano potenziarli e perfezionarli”, ha sottolineato. “Questo è ciò che accade con i vaccini antinfluenzali, che vengono aggiornati due volte l’anno”, ha spiegato.

Ore 18.00 – Umbria, in ospedali sospese attività programmate e visite specialistiche non urgenti – Sono state sospese fino al 21 febbraio negli ospedali dell’Umbria le attività chirurgiche di ricovero “programmate procrastinabili” e quelle di specialistica ambulatoriale “procrastinabili”. Lo hanno comunicato con una lettera ai direttori generali delle Aziende sanitarie e ospedaliere, il commissario regionale per l’emergenza Covid, Massimo D’Angelo e il direttore alla Salute della Regione Umbria, Claudio Dario.

Ore 17.30 – Il bollettino: 7.970 nuovi casi e 307 morti – Sono 7.970 i nuovi casi, contro i 11.641 di ieri, e 307 i morti (ieri erano stati 270). Lo riporta il bollettino di oggi, lunedì 8 febbraio, sul Coronavirus in Italia pubblicato dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile. I tamponi effettuati sono 144.270 (ieri erano stati 206.789). Il tasso di positività è comunque in lievissimo calo, da 5,6 a 5,5%.

Ore 16.55 – Cottarelli: “Con vaccini verso rimbalzo veloce economia” – “Io sinceramente penso che superato il problema sanitario, e lì la cosa fondamentale sono i vaccini, la possibilità di un rimbalzo dell’economia abbastanza veloce possa esserci”. Lo ha detto Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici dell’Università Cattolica di Milano, durante un’audizione delle commissioni finanza di Camera e Senato sulla riforma dell’imposta del reddito delle persone fisiche. “Finché questo avviene, il sostegno deve essere dato a chi è stato colpito da questo shock esterno e soprattutto dalle chiusure”.

Ore 16.20 – Anticorpi monoclonali, Popoli (Aifa): “Somministrarli in ospedale e studi” – La presidente della Commissione tecnico-scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Patrizia Popoli ha dichiarato all’Ansa che le terapie anti-Covid con anticorpi monoclonali “andranno somministrate ai pazienti in ambienti protetti, ovvero in ospedale o in studi medici opportunamente attrezzati, per fare fronte al rischio di eventuali reazioni avverse, pur trattandosi di farmaci sicuri”. Con l’autorizzazione per l’uso in emergenza di tali farmaci da parte dell’Aifa, si pone dunque il nodo organizzativo. Non si tratta, spiega Popoli, di cure che “possono essere fatte a casa, anche se sono destinate a pazienti che sono gestiti al domicilio perché presentano una malattia Covid-19 lieve o moderata e da pochi giorni, pur con precisi fattori di rischio”. La somministrazione dovrebbe avvenire in un “ambiente protetto”, chiarisce, “dove è possibile intervenire se il paziente dovesse presentare delle reazioni di ipersensibilità, che possono andare fino allo shock anafilattico”.

Ore 15.50 – Vaccini, Zaia: contatti per acquisto, stiamo verificando – “Il Veneto ha avuto dei contatti per l’approvvigionamento di vaccini. Lo stiamo facendo nella legalità totale, rispettosi di tutte le leggi nazionali ed europee. Non la vediamo come contrapposizione al Governo, ma dobbiamo prendere atto che prima viene la salute dei veneti”. Lo ha annunciato il  presidente del Veneto, Luca Zaia che segnala una situazione non lineare: “i prezzi, per un caso – ha detto – mostrano un rincaro di 4/5 volte, e in un altro invece è un po’ più basso, di circa il 10%. In due contatti c’e’ la disponibilità immediata. Le paventate possibilità, da verificare, riguardano vaccini autorizzati”.

Ore 14.45 – Milano, da domani riapre il Cenacolo, 12 visitatori ogni 15 minuti – Riapre il 9 febbraio a Milano il Cenacolo, il capolavoro di Leonardo da Vinci nel refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie. Lo riporta l’Ansa. Fino al 21 febbraio, le visite saranno dal martedì al venerdì, secondo il solito sistema dei turni (12 visitatori ogni 15 minuti fino al 12 febbraio, per diventare poi 18 dal 16).

Ore 14.40 – Vaccini: Cisl, dubbi in docenti, serve tavolo con Cts – “Molti operatori della scuola si interrogano sui vantaggi di aderire all’opportunità” di essere sottoposta a vaccinazione, “a causa della dichiarata minore copertura vaccinale di AstraZeneca rispetto ai più efficaci vaccini Pfizer e Moderna. La decisone di inserire il personale della scuola nelle priorità della campagna vaccinale e soprattutto di utilizzare il vaccino AstraZeneca, è stata assunta senza alcun coinvolgimento né del Comitato Tecnico Scientifico né dei Sindacati”. Lo sottolinea la Cisl Scuola, la quale chiede una audizione al CTS e la revisione del Protocollo di sicurezza per gli Istituti scolastici.

Ore 14.25 – AstraZeneca efficace al 10 per cento su variante Sudafrica – Il vaccino Oxford/AstraZeneca offre un’efficacia del 10 per cento contro la variante sudafricana del Covid-19: è il dato rilevato da uno studio dell’Università di Oxford insieme a ricercatori dell’University of the Witwatersrand. Secondo i ricercatori, che hanno condotto uno studio su piccola scala, il vaccino mostra un’efficacia molto piccola contro infezioni da lieve a moderata; gli scienziati confidano tuttavia che – in teoria -il vaccino dell’azienda anglo-svedese possa ancora offrire comunque una protezione significativa contro i casi più gravi.

Ore 14.15 – Regno Unito, fonti governo: “Forse necessaria una terza dose di vaccino anti-Covid per contrastare le varianti” – Il governo britannico sta considerando la possibilità che una terza dose di vaccino anti-Covid possa essere necessaria quest’anno per combattere la diffusione delle varianti che sembrano essere più resistenti, come quella sudafricana. A sostenerlo sono fonti del governo. Lo riporta il Corriere della Sera. I dirigenti del sistema sanitario britannico hanno espresso fiducia sul fatto che il governo possa prevedere una “vaccinazione congiunta” anti-influenza e anti-Covid il prossimo anno, con la nuova vaccinazione Covid (la terza del 2021) che sarebbe specificamente contro le varianti di maggiore preoccupazione. Secondo il governo, in autunno sarà quindi necessario “un rinforzo” della copertura vaccinale, e probabilmente “una successiva vaccinazione annuale”.

Ore 13.20 – Brasile, oltre 9,5 mln di contagi, 231 mila morti – Il Brasile ha superato i 9,5 milioni di persone infettate dal Coronavirus, secondo l’ultimo aggiornamento fornito dalle segreterie sanitarie dei governi statali. Fino alle 20 locali di ieri (mezzanotte in Italia), si sono registrati ulteriori 29.407 contagi, che portano il totale accumulato dalla fine di febbraio 2020 a 9.522.132, con una media di 45.620 casi al giorno. Il bilancio delle vittime, dall’inizio della pandemia, è intanto salito a 231.562, di cui 492 segnalati nelle ultime 24 ore, con una media giornaliera di 1.004.

Ore 13.15 – Recovery: fonti Ue, 30 aprile scadenza presentazione piani – I Piani nazionali di Recovery vanno formalmente presentati alla Commissione europea entro il 30 aprile. Lo ha reso noto una fonte dell’Ue. “Non si tratta di una scadenza rigida ma questa è l’indicazione”, ha precisato. I piani devono prevedere “riforme e investimenti” attuabili dal febbraio 2020 all’agosto 2026.

Ore 12.30 – Speranza: “Con la vaccinazione degli over 80 prosegue l’impegno per gli anziani” – “Con la vaccinazione delle persone con più di 80 anni prosegue l’impegno per proteggere i nostri anziani che sono stati i più colpiti da questa pandemia. Grazie alle donne e agli uomini del Servizio Sanitario Nazionale al lavoro senza sosta per combattere il Covid-19”. Lo scrive su Facebook il ministro della Salute, Speranza

Ore 11.00 – In Israele al via l’alleggerimento delle restrizioni – Israele ha revocato una serie di restrizioni per arginare l’epidemia da coronavirus, scelta in linea con l’alleggerimento delle misure di lockdown decise dal governo. Da registrare la riapertura di molte attività commerciali e la possibilità per gli israeliani di potersi spostare a più di un chilometro di distanza dalle proprie case. Anche il divieto di andare a trovare a casa amici e parenti e’ stato revocato. I parchi nazionali sono stati riaperti, cosi’ come le attività individuali come parrucchieri e saloni di bellezza, mentre ai ristoranti è concesso l’asporto.  Prevista la riapertura graduale delle scuole.

Ore 09.30 – Al via vaccinazioni over 80 nel Lazio – È iniziata la vaccinazione degli over 80 allo Spallanzani e in altri 49 punti di somministrazione nel Lazio (di cui 22 nella Capitale). Tra i primi a vaccinarsi all’istituto per le malattie infettive di Roma, è Nicola, un 86enne. “E’ andata benissimo – ha detto – sono rimasto ammirato dell’organizzazione, della puntualità e del modo in cui ci hanno accolto i medici. Aveva prenotato online mio figlio e sono stato tra i primi stamattina – aggiunge – Speriamo di uscire presto da questa pandemia. Ora mi sento più tranquillo”.

Ore 08.15 – Usa, superati i 27 milioni di casi – Gli Stati Uniti hanno superato i 27 milioni di contagi da Covid, secondo i dati aggiornati della Johns Hopkins University. Il Paese, il più colpito al mondo dalla pandemia, ha anche registrato oltre 463.000 morti. L’Institute for Health and Metrics Evaluation, parte del dipartimento di medicina della Washington University, prevede che il bilancio delle vittime supererà le 500.000 persone all’inizio di marzo, anche con la mascherina indossata da tutti.

Ore 07.00 – Il Sudafrica sospende l’uso del vaccino AstraZeneca: “Meno efficace sulle varianti” – Il Sudafrica ha deciso di sospendere temporaneamente l’utilizzo del vaccino AstraZeneca, in seguito alla diffusione dei dati preliminari di uno studio dell’Università di Oxford che ne mette in dubbio l’efficacia proprio nel contrasto alla variante sudafricana. Lo studio è stato diffuso dal Financial Times ed è stato svolto su un campione di 2 mila pazienti. Sebbene nessuno dei pazienti coinvolti nello studio sia morto o sia stato ricoverato, scrive il quotidiano britannico, i risultati della ricerca, non ancora sottoposta a revisione paritaria, potrebbero far apparire più complicata la lotta alle nuove varianti del Coronavirus.

Covid ultime notizie in Italia e nel mondo: cosa è successo ieri

Gori: “Di questo passo torneremo in zona rossa” – “Nel week end folla in centro a Bergamo e comportamenti stupidi, di questo passo torneremo in zona rossa”, lo ha detto il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, in un video diffuso sulla sua pagina Facebook. “Mi aspettavo comportamenti prudenti, ma non è stato così: in centro si sono riversate migliaia di persone. Tanti giovani anche da altre province sono arrivati in centro senza rispettare le misure di sicurezza. Tutto questo è stupido. Di questo passo torneremo in zona rossa, torneranno le limitazioni e gli ospedali torneranno a riempirsi. Chiedo a tutti senso di responsabilità, soprattutto ai ragazzi”, ha detto Gori.

Il bollettino di ieri della Protezione Civile – Secondo il bollettino di ieri, domenica 7 febbraio, sul Coronavirus in Italia pubblicato dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile, sono 11.641 i nuovi casi e 270 i morti, a fronte di 206.789 tamponi effettuati. Il tasso di positività è tornato a salire dopo il calo di sabato, attestandosi al 5,6 per cento. Qui il bollettino completo.

Bolzano, proteste in piazza contro il nuovo lockdown – Circa 300 persone hanno protestato ieri a Bolzano contro il nuovo lockdown in Alto Adige che scatterà domani e terminerà domenica 21 febbraio a seguito dell’elevato contagio di Covid-19. In piazza Magnago, sotto i palazzi della Provincia Autonoma, sono confluiti cittadini, soprattutto appartenenti al gruppo linguistico tedesco, dell’ala secessionista sudtirolesi e No vax, che hanno manifestato il loro disappunto per il nuovo pacchetto di restrizioni imposto dalla giunta provinciale. Da domani in Alto Adige torneranno ad essere chiusi i negozi, le attività commerciali non di prima necessità e sarà imposto anche il divieto di mobilità tra comuni, mentre già da una settimana è stata imposta la chiusura di tutta la ristorazione, dai bar ai ristoranti, e delle strutture ricettive.

Vaccino Astrazeneca debole contro variante sudafricana – Il vaccino contro il Covid-19 sviluppato da AstraZeneca non sembra offrire protezione contro le malattie leggere o moderate causate dalla mutazione del nuovo coronavirus apparsa in Sudafrica. È quanto emerge da uno studio, anticipato dal Financial Times, svolto su un campione di 2 mila pazienti. Sebbene nessuno dei pazienti coinvolti nello studio sia morto o sia stato ricoverato, scrive il quotidiano britannico, i risultati della ricerca, non ancora sottoposta a revisione paritaria, potrebbero far apparire più complicata la lotta alle nuove varianti del Coronavirus.

Perugia in zona rossa – Tutta la provincia di Perugia e sei piccoli Comuni in provincia di Terni a partire da oggi saranno in zona rossa. Lo prevede un’ordinanza che la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, si appresta a firmare. La governatrice ha illustrato il provvedimento a tutti i sindaci in una lunga riunione terminata nella tarda serata di ieri. Le disposizioni resteranno in vigore per almeno due settimane. Il resto della regione Umbria è invece in fascia arancione.

Leggi anche: 1. I nuovi colori delle Regioni: la Sardegna diventa gialla, l’Umbria rischia il rosso / 2. Covid, vaccino russo Sputnik è efficace al 91,6% / 3. La Lombardia cerca infermieri “gratis” per somministrare i vaccini: scoppia la polemica / 4. “Vietato ammalarsi”: l’ordinanza del comune sardo dove non ci sono più medici di base

5. Covid, il durissimo scontro tra Bassetti e il medico no vax: “Non lo considero neanche un collega” | VIDEO / 6. “Con questi ritmi immunità di gregge non prima di settembre 2023”: lo studio della Fondazione David Hume / 7. Come leggere i dati Covid: in 6 Regioni aumenta l’incidenza dei ricoveri in ospedale

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.