Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, ultime notizie. Stop alle mascherine all’aperto dal 28, Speranza firma l’ordinanza

Immagine di copertina
Credit: ANSA

Covid, le ultime notizie di oggi dall’Italia e dal mondo

COVID ULTIME NOTIZIE OGGI – L’Italia si appresta a un nuovo allentamento delle misure anti-Covid: da lunedì 28 giugno nelle zone in fascia bianca cadrà l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto. La curva epidemica è infatti in calo da settimane e intanto prosegue la campagna di vaccinazione: al momento sono circa 16,2 milioni le persone che hanno completato il ciclo vaccinale (qui i dati in tempo reale sui vaccini). Di seguito tutte le ultime notizie sul Covid-19 di oggi, mercoledì 23 giugno 2021, aggiornate in tempo reale.

COVID, LE ULTIME NOTIZIE DI OGGI

Ore 13,15 – Bertolaso: “A luglio rischio meno dosi a mRna” – “Per AstraZeneca le dosi che ci daranno saranno sufficienti per le secondi dosi a chi ne ha diritto, per altri tipi di vaccino abbiamo avuto notizie, al momento in modo informale, dalla struttura centrale di Roma che nel corso del mese di luglio ci potrebbero essere delle riduzioni di vaccini, soprattutto di quelli a mRna, che creerebbe problemi non solo alla Lombardia”. Lo ha dichiarato il consulente per la campagna vaccinale della regione Lombardia, Guido Bertolaso, nel corso di una conferenza stampa.

Ore 12,15 – Inps, nel 2020 contributi lavoratori domestici +7,5% – Nel 2020 i lavoratori domestici per i quali sono stati registrati versamenti contributivi all’Inps sono stati 920.722, con un incremento rispetto al 2019 pari a +7,5% (+64.529 lavoratori). Tale andamento fa registrate a questa categoria livelli occupazionali precedenti il 2015, interrompendo una tendenza costantemente decrescente iniziata nel 2013. È quanto rileva l’Inps, spiegando che tra gli elementi che hanno maggiormente influenzato tale incremento, il lockdown seguito alla prima ondata di diffusione del Covid-19, che ha reso necessario instaurare rapporti di lavoro regolari per consentire al lavoratore di spostarsi liberamente per motivi di lavoro.

Ore 11,40 – Vaccini, Donini (Regioni): “Rischio tagli Pfizer 40-50% a luglio” – “La quantificazione del taglio” nelle forniture di vaccini Pfizer per luglio “è ancora oggetto di approfondimento” da parte della struttura commissariale e le Regioni “attendono riscontri puntuali”. Al momento “si aggira sicuramente su una percentuale superiore al 40% e non è escluso anche attorno al 50%”. Così Raffaele Donini, coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e assessore regionale in Emilia-Romagna, a margine di una conferenza. “Sono ore di lavoro – sottolinea Donini – ma presto uscirà una comunicazione ufficiale” da parte della struttura commissariale

Ore 11,35 – Costa (Salute): “Stop mascherine a scuola, ci sono le condizioni” – “L’obiettivo di raggiungere l’immunità di gregge entro la fine di settembre è ancora assolutamente alla portata”, per cui “nel momento in cui si raggiungerà, dobbiamo valutare l’ipotesi di non fare indossare più le mascherine a scuola”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. “La prospettiva che dobbiamo dare è il ritorno alla normalità e iniziare l’anno scolastico in presenza e senza mascherine. Ci sono le condizioni”, ha concluso.

Ore 10,00 – Draghi: “Rischio varianti frenino aperture e consumi” –  “In questo quadro economico positivo, permangono alcuni rischi. Il primo è proprio la situazione epidemiologica. Sebbene in forte miglioramento, questa deve essere monitorata con attenzione. In particolare, dobbiamo tenere sotto controllo l’emergere e il diffondersi di nuove e pericolose varianti, che possono rallentare il programma di riaperture e frenare consumi e investimenti”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi alla Camera. Qui il suo intervento.

Ore 8,40 – Stop alle mascherine all’aperto dal 28, Speranza firma l’ordinanza – “Ho appena firmato un’ordinanza che permette di non usare la mascherina all’aperto” dal 28 giugno. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenuto a Cartabianca su Rai3. “La mascherina è e resta uno strumento fondamentale – ha detto -. Ho appena firmato un’ordinanza dove si dispone che cade l’obbligo di usarla sempre all’aperto. Va indossata necessariamente solo quando non si può rispettare il distanziamento ma resta un punto fondamentale della nostra strategia”. “E’ vero che i nostri numeri sono migliori rispetto a un mese fa, ma – ha avvertito il ministro – non dobbiamo considerare chiusa la partita”.

Ore 7,00 – Rezza: “Segnalazioni variante Delta in moltissime regioni” – “Adesso che sta circolando la variante Delta riceviamo molte segnalazione in moltissime regioni italiane, si sta cercando in questo momento di fare contenimento”. Lo ha dichiarato Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione presso il ministero della Salute, in audizione in commissione Sanità al Senato.

COVID, ULTIME NOTIZIE: COSA È SUCCESSO IERI

Recovery Fund, la Commissione Ue ha approvato il Pnrr dell’Italia – La Commissione europea ha approvato il Pnrr (Piano di ripresa e resilienza) presentato dal Governo italiano per poter accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu. Il via libera è stato annunciato negli studi di Cinecittà a Roma, in una conferenza stampa congiunta della presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, e del premier italiano Mario Draghi. “L’Italia è stata un’esempio per l’Europa, il vostro piano è ambizioso e lungimirante, c’è stata una cooperazione eccellente”, ha dichiarato von der Leyen. Per Draghi il Pnrr è “un piano per rendere il Paese più giusto e sostenibile per la sua crescita”. “Ora dovremo spendere i soldi bene e con onestà”, ha sottolineato il presidente del Consiglio. Leggi l’articolo.

Covid in Italia, il bollettino del 22 giugno – In Italia ieri, martedì 22 giugno 2021, si sono registrati 835 nuovi positivi al Covid-19 e 31 decessi legati alla pandemia. I dati si basano su 192.882 tamponi effettuati. Il tasso di positività è allo 0,4%. Qui il bollettino completo.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, le ultime notizie di oggi.
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 30 luglio 2021
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, le ultime notizie di oggi.
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 30 luglio 2021
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari
Cronaca / 6.171 casi e 19 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività 2,7%
Cronaca / “Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna. La situazione peggiora”: Zaki scrive dal carcere
Cronaca / “Siamo nella quarta ondata di Covid, aumentano i morti”: i dati della Fondazione Gimbe
Cronaca / Pfizer: dopo 6 mesi vaccino meno efficace. Si avvicina la terza dose
Cronaca / Il 58,12% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Sileri: "Sollecitato provvedimento per terza dose ai fragili"