Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Covid, medico lombardo risponde alla lettera di Fontana: “Noi abbiamo lavorato, voi dove eravate per evitare tutto questo?”

Immagine di copertina

Covid, medico lombardo risponde alla lettera del governatore Fontana

Un medico lombardo risponde alla lettera che il governatore Attilio Fontana ha inviato agli operatori sanitari chiedendo aiuto perché “il Covid è tornato”. Nella giornata di mercoledì 4 novembre, infatti, il presidente della Regione Lombardia ha scritto una missiva indirizzata “ai medici, agli operatori sanitari e sociosanitari” lombardi chiedendo loro di “lavorare insieme e rapidamente” per sconfiggere “un nemico invisibile” che “è tornato a condizionare le nostre vite, ad esercitare pressioni sui nostri ospedali”. Il governatore lombardo, quindi, ha scritto: “Abbiamo bisogno del vostro prezioso contributo di ‘silenziosi artigiani della cultura della prossimità e della tenerezza’, per citare le parole di Papa Francesco”.

medico risponde lettera fontana

Una lettera che non è piaciuta a diverse persone, inclusi esponenti politici, i quali hanno sottolineato come il presidente della Lombardia si sia fortemente battuto contro le ulteriori misure restrittive imposte dal governo nell’ultimo Dpcm nonostante la gravità della situazione. Una missiva, come detto, che non è piaciuta nemmeno al medico lombardo Luca Ardigò che sui social ha risposto a Fontana. “Caro presidente, il primo istinto sarebbe di cestinare questo Suo scritto con un sottofondo di insulti variamente indirizzati, tuttavia provo a rispondere ad alcuni punti. Il ‘nemico invisibile’ non è tornato: non se ne è mai andato, nonostante Lei e i suoi colleghi di partito – anche di rilievo nazionale – abbiate fatto campagna attiva per trasmettere il messaggio opposto, in barba ai numerosi appelli a non sottovalutare il problema da parte di tutte le Società scientifiche mediche e non solo”.

“Non abbiamo lavorato insieme – scrive ancora Ardigò – Io so che NOI abbiamo lavorato e le risposte da voi, qualora giunte – perché molte istanze non sono neanche mai state prese in considerazione seriamente -, sono sempre state tardive, incomplete, contradditorie e l’unico messaggio che hanno trasmesso è stata la percezione di disorganizzazione totale e dilettantismo di chi era ed è tutt’ora al comando. Noi siamo e saremo sempre ‘silenziosi artigiani’, non nel nome del Papa (figura che peraltro rispetto per quello che rappresenta), ma dei valori LAICI dello Stato, tra cui il diritto alla salute, garantito per tutti indipendentemente da cultura, etnia, religione o censo; ciò non toglie che a fine turno, sono stato e tuttora sono un rumoroso e grosso professionista che protesta contro l’ipocrisia di chi ci ha portati al punto in cui siamo, senza neanche avere il coraggio di metterci la faccia e di assumersi le proprie responsabilità, ma preoccupato solo di dare la colpa ad altri, impegnato in vistosi equilibrismi per rimanere a galla. E si sa cosa dice il proverbio delle cose che galleggiano bene”.

“Con profondo rammarico, faccio a Lei e a tutta la giunta un augurio di buon lavoro, sperando che non sia troppo tardi per dire: Ad maiora” scrive ancora il medico il quale poi sottolinea che”Il presente scritto rappresenta unicamente il pensiero di chi scrive e di nessun’altra entità giuridica”, aggiungendo: “Nel ribadire che quanto detto rappresenta unicamente il mio pensiero – sicuramente criticabile nella forma e nei modi -, e in nessun modo quello di altri Enti o Istituzioni, vorrei spontaneamente porgerLe le mie sincere scuse onde evitare il malinteso che intendessi offendere l’Istituzione che Lei rappresenta”.

Leggi anche: 1. Fontana vuole che tutta Italia paghi la zona rossa in Lombardia con un lockdown / 2. “Necessaria attivazione livello 4”: la circolare del 2/11 che smentisce Fontana sui dati Covid in Lombardia / 3. Zone rosse, Conte risponde a Fontana: “Non stiamo dando schiaffi a nessuno”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Cronaca / Milano, un altro stupro di gruppo: la vittima è una studentessa di 20 anni
Cronaca / Angelo Zen, l’italiano disperso in Turchia dopo il terremoto: “Nessun contatto con lui da domenica”
Cronaca / Stresa, padre non accetta la relazione della figlia, la sequestra in casa e la lascia senza cibo: arrestato
Cronaca / Si finge cartomante su TikTok, chiede video hot a una cliente e poi la minaccia per soldi: denunciato
Cronaca / Tokyo, è morto il giornalista Pio d’Emilia, storico corrispondente dall’Asia
Cronaca / Caso Delmastro-Donzelli, la procura indaga contro ignoti per rivelazioni e utilizzo di segreto d’ufficio
Cronaca / Ischia, prende il traghetto per andare in ospedale a partorire ma la bimba nasce nel mezzo della traversata