Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, nel Lazio triplicato il numero dei bambini nati morti durante la prima ondata: lo studio

Immagine di copertina

Covid Lazio, triplicato numero bambini nati morti durante la prima ondata: studio

Durante la prima ondata della pandemia da Covid-19, nel Lazio è triplicato il numero di bambini nati morti: è il risultato di uno studio, coordinato da Mario De Curtis dell’università Sapienza di Roma e pubblicato da Archives Disease in Childhood, che ha preso in considerazione tutti i nati dei centri nascita del Lazio nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020, paragonando i dati agli stessi osservati nello stesso periodo del 2019. “Si è osservato – scrivono gli autori – un aumento di tre volte dei nati morti. Questo dato sembrerebbe essere non l’effetto dell’infezione da Covid-19, anche perché l’incidenza della malattia nelle donne in gravidanza nell’Italia centrale, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, è molto bassa (circa 1 per 1000). Sembrerebbe essere la conseguenza del fatto che molte donne, per paura di contrarre l’infezione in ospedale, non hanno effettuato adeguati controlli in gravidanza”.

Nel Lazio vivono 5,8 milioni di persone: qui, secondo i dati, nasce circa il 10 per cento di tutti i nati italiani. Oltre al dato del numero dei bambini nati morti, dallo studio – condotto con Leonardo Villani della Cattolica di Roma e Arianna Polo della Direzione Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione – emerge anche un altro numero, stavolta positivo. Durante la prima ondata del Covid-19, infatti, sono calati i parti prematuri. “Il dato può essere interpretato – concludono gli autori – come effetto del riposo forzato, della sospensione del lavoro fuori casa, della ridotta attività fisica a cui sono state costrette anche le donne in gravidanza durante il lockdown. La prevenzione della natimortalità è un dato che dovrebbe essere tenuto presente nei prossimi lockdown che vengono annunciati”.

Leggi anche: 1. Vaccino anti-Covid, c’è un piano per la distribuzione in Italia? I nodi sulla conservazione / 2. Covid, l’annuncio di Pfizer: “Vaccino efficace al 90%, 15-20 milioni di dosi in arrivo entro l’anno” / 3. Vaccino Pfizer: “Patto segreto per 1,7 milioni di dosi in Italia a gennaio”

4. Il governo punta a evitare il lockdown: molte regioni cambieranno “colore” e sono in arrivo nuove strette / 5. Covid, il commissario Arcuri sarà responsabile del piano di distribuzione vaccini / 6. Covid, a Gela uccisa un’intera famiglia: in una decina di giorni morti padre, madre e figlio

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, ecco il test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio