Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Covid, da domani Italia in zona gialla “rafforzata”. 9 e 10 gennaio arancione: le regole

Immagine di copertina

Oggi, 6 gennaio 2021, ultimo giorno di zona rossa in Italia. Spostamenti vietati se non per tornare alla propria residenza, domicilio o abitazione o per motivi di lavoro, salute o necessità. All’interno della stessa Regione, invece, ci si può muovere per andare in una seconda casa e, al massimo in due con figli minori di 14 anni, per andare a trovare parenti o amici. Resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Nel giorno dell’Epifania bar e ristoranti e le altre attività di ristorazione restano chiuse se non per domicilio o asporto. Aperti supermercati e alimentari, farmacie e tabacchi, librerie e negozi di intimo o sportivi. Chiusi tutti gli altri esercizi commerciali. Ma quali sono le regole per i prossimi giorni? Proviamo a fare chiarezza.

7 e 8 gennaio: zona gialla rafforzata

Domani e dopodomani l’Italia è in zona gialla, anche se “rafforzata”. Fino al 15 gennaio 2021, infatti, resta è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori delle diverse Regioni o province autonome. Resta sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Non ci si potrà spostare nelle seconde case ubicate in altra Regione o provincia autonoma. Spostamenti liberi, invece, all’interno della propria Regione, fermo restando l’obbligo della mascherina e del distanziamento. Capitolo scuola. Da domani, 7 gennaio, ripartono le scuole in presenza ma solo per i più piccoli, materne, elementari e medie tranne che in Campania, Puglia e Calabria. Gli studenti delle superiori riprenderanno con la didattica a distanza, solo in Alto Adige si va in aula.

Rimane il coprifuoco dalle 22 alle 5, se non per comprovati motivi di necessità e urgenza, salute o lavoro e con autocertificazione; nelle altre ore è possibile spostarsi senza autocertificazione. Bar e ristoranti possono riaprire ovunque ma fino alle 18, poi consentito solo asporto (fino alle 22) e domicilio. Tutti aperti anche i negozi, compresi i centri commerciali. Riaprono anche i circoli sportivi, ma è vietato l’uso degli spogliatoi. Restano chiuse, invece, piscine e palestre. Restano chiusi teatri, cinema, musei, mostre e sale bingo.

9 e 10 gennaio: Italia in zona arancione

Per due giorni, nel weekend del 9 e 10 gennaio, l’Italia sarà in zona arancione. Spostamenti limitati all’interno del Comune in cui ci si trova con le consuete deroghe. Per chi ha trascorso in un’altra regione le festività natalizie sarà comunque possibile tornare a casa. Ultimo giorno di didattica a distanza per le superiori: i ragazzi torneranno in aula lunedì 11 al 50 per cento tranne in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Puglia, Campania, Calabria, Molise. Chiusi bar e ristoranti tranne che per asporto e domicilio, chiusi i negozi tranne alimentari e generi di prima necessità.

Dall’11 gennaio tornano le zone di colore

Da lunedì 11 si ritornerà alle zone di colore, che cambieranno in ogni regione dopo il nuovo monitoraggio Iss. Nelle regioni inserite in zona gialla dovrebbero valere comunque le norme del “giallo rafforzato”. Bisognerà quindi aspettare venerdì prossimo 8 gennaio per conoscere le decisioni del ministro della Salute Roberto Speranza in base ai dati del contagio che attribuiranno i colori alle regioni (rosso, arancione e giallo). I parametri di valutazione cambieranno in senso più restrittivo: per passare da giallo ad arancione ci vorrà un indice di contagio Rt di 1 (prima era 1,25) e per la zona rossa Rt a 1,25 e non più a 1,50.

Leggi anche: 1. Disuguaglianze: ricorderemo il 2020 come uno degli anni peggiori; // 2. Vaccini, Lombardia in ritardo. Gallera: “Non faccio rientrare i medici dalle ferie per le vaccinazioni” // 3. Vaccino, l’elenco completo dei centri di somministrazione in Italia “è ancora in divenire”. Il documento di Arcuri;

4. Festa di Capodanno nel resort di lusso sul Lago di Garda: multate 126 persone. Locale chiuso // 5. Le regole in vigore dal 7 gennaio 2021: scuole, palestre, bar e ristoranti; // 6. La variante inglese è più diffusa tra i bambini: riaprire le scuole significherebbe favorire il virus (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”