Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Migranti, la Corte Ue dice no ai rimpatri forzati anche per chi perde lo status di rifugiato

Immagine di copertina

Corte Ue rimpatri forzati | Un migrante in fuga da un territorio in cui rischia di essere torturato o perseguitato non può essere rimpatriato nel suo paese d’origine, anche nel caso in cui abbia perso lo status di rifugiato. A dichiaralo è la Corte di giustizia dell’Unione europea, in una sentenza pubblica che fa riferimento al diritto europeo e alla Convenzione di Ginevra sui diritti umani.

> Salvini: “Sono l’avversario di chi vuole i porti aperti”

Le direttive – La Corte Ue fissa così del punti fermi sul tema rimpatri. Lo status di rifugiato è regolato da una direttiva del 2011, ma la scelta di rimpatrio, secondo la Corte, prescindere da questo regolamento.

Più precisamente, la revoca dello status di rifugiato (che spesso avviene per mancanza dei documenti richiesti o per tempistiche burocratiche che si allungano) non fa correre il rischio di rimpatrio per la persona in questione.

Il commento di Salvini – Il ministro dell’Interno e leader del Carroccio, Matteo Salvini, non ha aspettato per commentare la decisione della Corte Ue: “Ecco perchè è importante cambiare questa Europa, con il voto alla Lega del 26 maggio. Comunque io non cambio idea e non cambio la legge: i ‘richiedenti asilo’ che violentano, rubano e spacciano, tornano tutti a casa loro. E nel Decreto Sicurezza Bis norme ancora più severe contro scafisti e trafficanti”, ha affermato Salvini.

I casi – La Corte con sede in Lussemburgo si è soffermata su questa particolare condizione dopo il caso di due cittadini, uno ivoriano e uno congolese, che si sono visti revocare lo status di rifugiato o negare il riconoscimento in Belgio e Repubblica Ceca, perché considerati una minaccia alla sicurezza o condannati per un reato particolarmente grave per la comunità dello Stato membro ospitante.

Secondo i giudici, le disposizioni in materia di rifugiati sono valide, ma la decisione di revocare o rifiutare il riconoscimento dello status di rifugiato non privano le persone dei diritti della Convenzione di Ginevra. Ecco perché il rimpatrio viene vietato.

> Migranti: la Germania accelera i rimpatri per l’Italia, ma il Viminale smentisce
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Massiccio attacco hacker in Italia e nel mondo. Migliaia i server bloccati
Cronaca / Chi è Salvatore Baiardo, l’ex tuttofare dei fratelli Graviano a Non è l’Arena
Cronaca / Arianna Mihajlovic ricorda Sinisa: “Ogni notte per me è una tempesta di pensieri”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Massiccio attacco hacker in Italia e nel mondo. Migliaia i server bloccati
Cronaca / Chi è Salvatore Baiardo, l’ex tuttofare dei fratelli Graviano a Non è l’Arena
Cronaca / Arianna Mihajlovic ricorda Sinisa: “Ogni notte per me è una tempesta di pensieri”
Cronaca / Agguato degli ultras della Stella Rossa ai tifosi della Roma dopo la partita con l’Empoli | VIDEO
Cronaca / Paola Egonu, il sindaco di Cittadella non ci sta: “Ma quale razzismo, in Turchia guadagna milioni. Venga tra la gente”
Cronaca / Thomas Bricca non era il vero bersaglio. Il ventenne Omar: “Volevano uccidere me per motivi razzisti”
Cronaca / Messina Denaro, il vergognoso vocale contro Falcone: “Nel traffico per le commemorazioni di ‘sta minchia”
Cronaca / Sequestra una escort e la costringe a sniffare cocaina: arrestato un 28enne
Cronaca / Catturato il killer della ‘ndrangheta Sestito: era evaso dai domiciliari il 30 gennaio
Cronaca / La madre di Thomas Bricca, il ragazzo ucciso ad Alatri: “Maledetti, Satana vi aspetta”