In Veneto un imprenditore positivo al virus si è suicidato. Anche così si muore nell’Italia di oggi

Di Luca Telese
Pubblicato il 30 Mar. 2020 alle 09:59 Aggiornato il 30 Mar. 2020 alle 11:00
2.4k
Immagine di copertina
Foto da Archivio. Credit: ANSA/CESARE ABBATE

Adesso arrivano anche i suicidi per Coronavirus. Dopo il traffico di ossigeno, gli scioperi delle pompe funebri, le rivolte di piazza e i tentati assalti ai supermercati, il virus si presenta in Veneto con un suo volto antico: quella del più disperato dei gesti. È accaduto a Villaguattera di Rubano, ieri, dove un imprenditore padovano positivo al Coronavirus, si è tolto la vita senza nessun preavviso, lasciando come unica traccia un messaggio che fa riferimento esplicito alla sua positività al test. L’uomo – prima di uccidersi – ha lasciato davanti alla porta di casa alcuni fogli di carta che contenevano macabri messaggi per chi avesse ritrovato il suo corpo: “E’ contaminato”. L’imprenditore si è soffocato con un sacchetto di plastica infilato in testa, sabato mattina, ma il decesso è stato reso noto solo ieri.

La segnalazione era partita dal fratello, che abita nella villetta in fianco a quella dove si è consumata la tragedia. Quando i carabinieri sono entrati in casa, era ormai troppo tardi. Questo gesto, però, non dobbiamo interpretarlo come un episodio isolato, ma piuttosto come un potenziale allarme, un possibile segnale premonitore. Perché già in passato, pochi anni fa, nel Veneto, la stagione della crisi economica divenne il volano di una lunga e tormentata serie di suicidi, soprattutto fra chi – come il 54enne – portava il peso delle responsabilità di una impresa. Il Corona diventa così un nuovo elemento di aggravio, un fattore accelerante e drammatico, non sono dal punto di vista sanitario, ma anche da quello economico, e sociale.

Questa tragedia ci dice che non bastano medici epidemiologi, ma che servono psicologi e sostegni. Non a caso il sindaco di Rubano, Sabrina Doni, dice: “Sono affranta, mi dispiace che come comunità non riusciamo a intercettare queste profonde sofferenze”. Il suicidio in Veneto torna ad intrecciarsi con i momenti di dramma della storia nazionale. Si fa premonizione. Anche così si muore, nell’Italia contemporanea: non per Coronavirus, ma con il Coronavirus. È un campanello di allarme che non deve squillare inutilmente.

Leggi anche:  1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia

3. Il sindaco Gori a TPI: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali”/ 4. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni /

5. Coronavirus, tamponi per asintomatici? Solo ai privilegiati. Così prolifera il business dei test privati / 6. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

2.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.