Coronavirus:
positivi 94.076
deceduti 17.127
guariti 24.392

Coronavirus, un italiano alle Mauritius: “Razzismo contro di noi, ci guardano male, ma io non torno in Italia da due anni”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 25 Feb. 2020 alle 09:38 Aggiornato il 25 Feb. 2020 alle 09:55
619

Coronavirus, ristoratore italiano alle Mauritius: “C’è razzismo contro di noi”

L’emergenza coronavirus scoppiata improvvisamente in Italia rischia di far provare ai nostri cittadini l’incubo dell’isolamento, del respingimento, dell’intolleranza che sfocia nel razzismo: ne sa qualcosa un ristoratore italiano, residente da dieci anni alle isole Mauritius, che in questi giorni ha notato un crollo del numero degli avventori nel suo locale.

L’uomo si è sfogato ai microfoni di Rai Radio 2, intervenendo nella notte all’interno della trasmissione I Lunatici: “Io vivo a Mauritius da dieci anni – ha detto il ristoratore – e manco dall’Italia da due anni. Eppure il mio ristorante di cucina italiana nel sud di Mauritius sta perdendo tantissimi clienti negli ultimi giorni. Molti clienti mi fanno battute brutte perché sono italiano, mi chiedono se mi sono lavato le mani o cose del genere. Il razzismo c’è in Italia contro i cinesi, ma c’è anche qui contro gli italiani“.

“Che c’entro io con il Coronavirus? Sono due anni che non vengo in Italia”, ha continuato il ristoratore, che si chiama Giuseppe. “La clientela del mio ristorante in questi giorni è molto diminuita e quelli che vengono quasi mi guardano male”.

Le isole Mauritius, una sorta di paradiso terrestre nell’oceano Indiano e nota meta turistica per migliaia e migliaia di europei, negli ultimi giorni hanno fatto parlare molto di sé per alcune decisioni prese per affrontare l’emergenza coronavirus. Su tutte, la scelta di non far sbarcare i 40 italiani a bordo di un volo Alitalia atterrato ieri mattina. Al punto che i 40 connazionali (tutti provenienti da Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna), che potevano scegliere se rientrare in Italia oppure sottoporsi a una quarantena obbligatoria di 14 giorni, hanno tutti scelto la prima opzione. Perdendo i soldi del viaggio, il tempo e soprattutto la pazienza.

Leggi anche:

Lo studio scientifico che aveva previsto il coronavirus un anno fa: “Partirà dalla Cina, dobbiamo prevenirlo”

TPI REPORTAGE da Codogno, il paese fantasma con l’incubo del contagio da Coronavirus (di Giulio Cavalli)

“I miei colleghi spargevano il sale al mio passaggio”: il caso dei giornalisti in quarantena per il Coronavirus (di Selvaggia Lucarelli)

Il reportage video dai comuni della zona rossa (di Selvaggia Lucarelli)

Ecco due cose che abbiamo capito del virus: parla Italiano e viaggia in business Class, non si annida in Africa ma nel profondo nord (di Luca Telese)

Coronavirus, l’infermiera entrata in contatto con il paziente 1 ha violato la quarantena (di Franco Bagnasco)

Sul Coronavirus va in scena il primo duello tv tra i due futuri candidati premier: Conte e Salvini

Coronavirus in Italia, Burioni a TPI: “Chi è tornato dalla Cina senza sintomi doveva essere isolato. Ora niente panico: quarantena per tutti i possibili infetti”

619
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.