Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, a Bergamo finiti i letti in rianimazione

Immagine di copertina

L’emergenza è totale: nell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo i posti letto in Terapia intensiva sono finiti. Anche l’ultimo degli 80 letti riservati ai pazienti ricoverati in gravi condizioni per il Coronavirus all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo è stato occupato. La drammatica situazione, confermata da fonti ospedaliere, è stata registrata in queste ore. All’ospedale sono stati predisposti 12 nuovi posti letto riservati ai pazienti con Coronavirus che vengono sottoposti a forme di ossigenoterapia meno invasive, con l’ausilio dei ‘caschi’. Lo apprende l’Agi da fonti ospedaliere. Già da diversi giorni, gli 80 posti in terapia intensiva sono esauriti, circostanza che ha portato l’ospedale ad avvalersi delle ‘rete’ nazionale delle terapie intensive a cui vengono destinati i pazienti che non possono essere accolti.

 

Intanto in Italia si lavora alacremente: entro la fine del mese il numero dei posti letto in terapia intensiva dovrebbe salire a circa 6.100 unità con un incremento di circa il 20 per cento del totale. Sono le stime raccolte da Agi dalla varie Regioni italiane. Si tratta solo di un primo parziale risultato che mostra bene la corsa che gran parte delle Regioni stanno facendo per allestire nuovi posti di terapia intensiva per far fronte all’emergenza coronavirus.

Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi

Come infatti ormai è ampiamente dimostrato sono proprio ventilatorimacchine per la respirazione artificiale e sistemi di isolamento biologico la linea di difesa più efficace contro il virus.

In Italia, a oggi, ci sono 26.062 contagiati (ieri erano 23.073, quindi c’è stato un aumento di 2.989) 2.503 morti (ieri erano 2.158, quindi +345) e 2.941 guariti (ieri 2.749, +192). I casi totali, quindi, sono arrivati a 31.506. Il totale dei ricoverati con sintomi è di 12.894, mentre i pazienti in terapia intensiva sono attualmente 2.060. In isolamento domiciliare ci sono invece 11.108 persone.

Leggi anche: 1. Il paradosso dei tamponi per il Coronavirus: se un calciatore è positivo fanno test a tutta la squadra, ma non ai medici in prima linea /2. Mascherine gratis per tutti: l’azienda italiana tutta al femminile che ha convertito la produzione industriale per il Coronavirus

3. Coronavirus, i ricercatori cinesi in Italia: “Vi abbiamo portato il plasma con gli anticorpi” /4. Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La guerra mediatica fra le tv sul caso di Denise Pipitone
Cronaca / Roma, cuoca rapinata e violentata nella sala mensa della scuola
Cronaca / Covid, 6.946 casi e 251 morti nell'ultimo giorno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La guerra mediatica fra le tv sul caso di Denise Pipitone
Cronaca / Roma, cuoca rapinata e violentata nella sala mensa della scuola
Cronaca / Covid, 6.946 casi e 251 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Migranti, il sindaco di Lampedusa a TPI: “Salvini ora è al Governo, ci aiuti anziché fare propaganda”
Cronaca / “Io, malata di Sla assistita per anni da Martina Ciontoli, vi racconto chi è davvero la ragazza che avete odiato”
Cronaca / Migranti, a Lampedusa 2mila arrivi in 24 ore. Salvini preme su Draghi: “Porti chiusi”
Cronaca / Abrignani (Cts): “A giugno in Italia avremo circa 10 morti al giorno”
Cronaca / Coprifuoco a mezzanotte? L’alt di Speranza: chiede di posticipare al 24 maggio
Cronaca / Salernitana in serie A, muore 28enne durante i festeggiamenti
Cronaca / Vaccini, direttore medico Pfizer Italia: "Attenersi agli studi su richiamo a 21 giorni"