Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Coronavirus, Facebook vieta le pubblicità che promettono cure e che incitano al panico

Di Anna Ditta
Pubblicato il 26 Feb. 2020 alle 15:24
284

Coronavirus, Facebook vieta pubblicità che promettono cure e incitano al panico

Contro la disinformazione e l’allarmismo sul tema del coronavirus, Facebook ha annunciato la messa al bando degli spot e pubblicità che promettono cure miracolose o che incitano al panico. A essere vietate sono le pubblicità che instillano “un senso di urgenza” sul Covid-19, “insinuano che c’è scarsità di attrezzature o garantiscono una cura o prevenzione”, ma anche i post che diffondono fake news.

Misure analoghe vengono applicate nei confronti di coloro che vendono dispositivi legati all’epidemia, come le mascherine: “Lo permettiamo ma poniamo un’attenzione maggiore a questo gruppo” di persone, ha sottolineato un portavoce dell’azienda.

“Abbiamo recentemente implementato una policy per proibire annunci che creano un senso di panico, come scorte limitate o la garanzia di cure”, ha detto un portavoce della società di Menlo Park al sito Business Insider.

In Italia Facebook e Twitter hanno stretto un accordo con il ministero della Salute affinché ogni ricerca sul coronavirus rimandi alle informazioni ufficiali del sito del Ministero. Anche TikTok, nuovo social media usato dai più giovani, ha un alert che consiglia agli utenti di consultare i siti dell’Oms e delle istituzioni locali.

Lo spot sul Coronavirus del ministero della Salute con Amadeus:

Leggi anche:

Tutte le ultime notizie sul coronavirus in Italia

Il coronavirus è la madre di tutte le fake news perché fa leva sulle nostre paure (di V. Petrini)

Coronavirus, cosa prevede il decreto legge del governo per affrontare l’emergenza

284
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.