Bertolaso positivo al Coronavirus: ecco dove è stato e chi ha incontrato negli ultimi giorni

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 24 Mar. 2020 alle 14:54 Aggiornato il 24 Mar. 2020 alle 15:12
74
Immagine di copertina
Sopralluogo in Fiera a Milano, nel pomeriggio, per il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, con il consulente del progetto Guido Bertolaso, assieme al vicepresidente Fabrizio Sala e agli assessori Davide Caparini e Giulio Gallera. L'incontro, si legge in una nota della Regione, è servito a verificare, insieme ad una delegazione di medici lombardi, come proseguono i lavori del nuovo ospedale, Milano, 22 marzo 2020. Credit: ANSA / Ufficio stampa Regione Lombardia

“Sono positivo al Covid-19. Ho qualche linea di febbre, nessun altro sintomo al momento. Continuerò a seguire i lavori dell’ospedale Fiera e coordinerò i lavori nelle Marche. Vincerò anche questa battaglia. Quando ho accettato questo incarico sapevo quali fossero i rischi a cui andavo incontro, ma non potevo non rispondere alla chiamata per il mio Paese”.

È l’annuncio shock dell’ex capo della protezione civile Guido Bertolaso che ha aggiunto: “Sia io che i miei collaboratori più stretti siamo in isolamento e rispetteremo il periodo di quarantena”.

Ma oltre i suoi collaboratori più stretti, quali sono le persone che sono entrate in contatto con Bertolaso, dopo che è stato nominato consulente del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, per la gestione dell’emergenza Coronavirus?

Soltanto ieri, lunedì 23 marzo, Guido Bertolaso arrivava al porto di Ancona su un elicottero dei carabinieri. L’ex capo della Protezione Civile nazionale era stato chiamato dal presidente Luca Ceriscioli per gestire la fase decisiva della lotta al virus. “Questa è la mia terra – aveva dichiarato -, sto dando una mano dove me lo chiedono, figuriamoci se non vado nelle Marche”.

Il 19 marzo, il sindaco di Milano Beppe Sala ha incontrato Bertolaso su ospedale Fiera. “Ieri sera ho incontrato Guido Bertolaso”, diceva il sindaco nel video messaggio  quotidiano su Facebook. “Lo conosco da anni – spiega – e ho avuto la sensazione di confrontarmi finalmente con qualcuno che sa esattamente di cosa parla. Mi ha spiegato dell’ospedale in Fiera, che io supporto, e mi ha spiegato che un conto è l’ospedale come struttura fisica, ma poi per farlo funzionare servono tre cose nelle quali noi siamo carenti: in primis i respiratori; poi i dispositivi di sicurezza individuale, come camici e mascherine e infine medici e infermieri. A noi manca un po’ tutto”.

Il 16 marzo, Gallera, l’assessore lombardo al Welfare, alle 17 ha incontrato Bertolaso per il nuovo ospedale nella zona della Fiera. “Ci sarà anche l’ad della Fiera, Pazzali”, aggiungeva Giulio Gallera, durante una diretta su Facebook.

Ci si domanda quindi quante siano realmente le persone che dovrebbero procedere con un periodo di isolamento e ulteriori verifiche, per evitare ulteriori contagi.

Leggi anche: 1. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino) / 2. Lo sfogo di un medico a TPI: “Se la Lombardia non cambia strategia, la gente continuerà a morire”(di Selvaggia Lucarelli)

/ 3. Sileri a TPI: “Sono guarito dal Coronavirus, vi racconto cosa si prova. Oggi fare tanti tamponi” (di Luca Telese)/ 4. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni (di Selvaggia Lucarelli) / 5. Coronavirus, “Bergamo abbandonata a se stessa: c’è il mercato nero delle bombole, ti salvi se un amico ti fa un piacere” (di Franco Bagnasco)

IL NUOVO MODULO PER L’AUTOCERTIFICAZIONE

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

74
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.