Coronavirus, ad Aosta un bambino è nato positivo: la madre aveva 38 di febbre

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 21 Apr. 2020 alle 13:24 Aggiornato il 21 Apr. 2020 alle 15:49
86
Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Coronavirus, ad Aosta bambino nato positivo: madre aveva 38 di febbre

Ad Aosta un bambino sarebbe nato già positivo al Coronavirus: la madre, contagiata dal Covid-19, ha partorito settimana scorsa con la febbre a 38. E’ successo all’ospedale Beauregard: il parto è avvenuto nella notte tra giovedì 16 e venerdì 17 aprile. Adesso mamma e figlio stanno bene e verranno tenuti in isolamento per 15 giorni a scopo cautelativo. Ma ciò che è avvenuto, se venisse confermato, getterebbe nuove luci sulla possibilità che il Coronavirus si possa trasmettere all’interno dell’utero, cosa che finora sembrava impossibile.

Nel caso del bambino di Aosta, i medici dei reparti di Ostetricia e Pediatria hanno dichiarato che il risultato del tampone è arrivato il giorno successivo al parto. Sembra difficile, dunque, che il contagio sia avvenuto nelle prime ore di vita del bambino. Tuttavia, il primario di Pediatria dell’ospedale, Maria Rita Gallina, ha precisato all’Agi: “Nessun evento straordinario, nessun primo caso al mondo. Non è dimostrato che ci sia stata una trasmissione verticale, attraverso il canale del parto, del contagio ma è piuttosto probabile che sia stato per contatto come normalmente capita per il Coronavirus. Non sapendo della positività della mamma, infatti, dopo la nascita il bambino le è stato affidato per qualche minuto, come normalmente avviene, ed è possibile che in quel momento ci sia stato il contagio”.

“Allo stato attuale – ha sottolineato il direttore del Reparto Salute della Donna e dell’Età Evolutiva dell’Iss, Serena Donato, al Corriere della Sera – delle conoscenze si ritiene che il Coronavirus non si trasmetta in utero. I medici cinesi, nei 34 casi studiati, hanno cercato il virus nel liquido amniotico, nel sangue del cordone ombelicale e nei tamponi nasofaringei dei neonati: erano tutti negativi”.

Dopo la nascita del neonato positivo al Coronavirus, la degenza dei reparti di Ostetricia e Pediatria dell’ospedale Beauregard di Aosta è stata riorganizzata per evitare la diffusione del contagio. Fino a oggi sono quasi i mille i contagiati dal Covid-19 in Valle d’Aosta, con 123 morti. Secondo le stime dell’Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane, il ritorno ai casi zero in Regione è previsto almeno il 13 maggio.

Leggi anche:

1. Cambia il calendario delle riaperture della Fase 2: le novità / 2. L’annuncio di Conte: “Riaperture dal 4 maggio. Entro domenica piano differenziato tra le Regioni” / 3. Italia pronta alla Fase 2 ma Conte frena: “Non riapriremo tutto”

4. Lo sport nella fase 2, Sileri: “Jogging non più di 40 minuti. Calcio? Ripartenza a porte chiuse” / 5. Cosa succede nelle Marche: il focolaio di Pesaro, il Covid hospital di Civitanova e le affinità con la Lombardia / 6. Il Presidente delle vittime del Trivulzio a TPI: “Aiutateci, vogliamo la verità sui contagi e i morti nella RSA”

7. Il virologo Tarro a TPI: “Il lockdown non ha senso, il caldo e il plasma dei guariti possono fermare il Covid” / 8. Tamponi a Vo’ Euganeo, lo studio: “Il 43% dei positivi sono asintomatici ma contagiosi” / 9. “Scuole aperte a luglio come centri estivi”: Raggi spiega la Fase 2 a Roma

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

86
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.