Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Cardedu (Nuoro), incendiata l’auto del sindaco Matteo Piras. Lui commenta: “Non mi arrendo, vado avanti”

Immagine di copertina

La vettura completamente distrutta

Cardedu (Nuoro), incendiata l’auto del sindaco Piras. Lui: “Vado avanti”

Altro episodio inquietante durante la notte in provincia di Nuovo: dopo l’attentato contro la sede del Pd a Dorgali è stata incendiata l’auto di Matteo Piras, sindaco di Cardedu, località costiera dell’Ogliastra. La vettura, una Audi A4, era parcheggiata sotto l’abitazione del primo cittadino.

L’episodio è avvenuto nel cuore della notte, intorno alle ore 3.20. L’auto è stata completamente distrutta, nonostante l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco del distaccamento di Lanusei. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Jerzu.

Matteo Piras, 40 anni, ingegnere, una compagna e un figlio, è stato eletto tre anni fa con una lista civica, unico candidato del paese.

Il governatore Solinas: “Atto vile, gesto criminale”

Le reazioni all’attentato al sindaco di Cardedu non si sono fatte attendere. Il governatore della Sardegna Christian Solinas, in merito all’atto intimidatorio contro il primo cittadino, ha dichiarato: “Esprimo a nome mio e di tutta la Giunta la totale solidarietà e la più sentita vicinanza al sindaco di Cardedu, Matteo Piras, per il vile attentato subito la scorsa notte. Questo gesto criminale è ancor più deprecabile poiché messo in atto nei confronti di un amministratore pubblico che con coraggio, quotidianamente, è impegnato per la sua comunità”.

Il sindaco: “Non mi arrendo, vado avanti”

All’Ansa il sindaco Matteo Piras ha parlato di gesto “inaspettato” e si è detto pronto ad andare avanti. “Un gesto assurdo totalmente inaspettato, ma io – sono state le parole del primo cittadino – non mi arrendo, andrò avanti, la democrazia non può finire con questi atti altrimenti vivremmo nella giungla”.

“Il modo per farmi conoscere le problematiche sarebbe dovuto essere un altro: venire a dirmelo a voce, in maniera civile. Vivo in mezzo ai miei concittadini, mi avrebbero potuto fermare anche per strada: avremmo chiarito in questo modo”, ha proseguito Piras.

> Attentati Nuoro, la solidarietà di partiti e istituzioni: “Siamo vicini a Pd e sindaco Piras”

“Non so davvero cosa pensare, so solo che stiamo lavorando duramente – ha proseguito – stiamo portando a compimento il piano urbanistico comunale che sarà pronto tra un mese. Sono in atto i lavori fermi dal 1951 dopo l’alluvione di Gairo. Davvero non so cosa pensare, so solo che è un atto gravissimo e lavorare in questi paesi sta diventando difficile”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Viola: “Potrebbe dipendere da un calo immunità collettiva”