In Campania ristoranti e pub restano chiusi, De Luca: “Domani non riapre nulla”

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 17 Mag. 2020 alle 18:50
2.3k
Immagine di copertina

“C’è un clima di confusione in Italia, basti pensare che siamo a domenica pomeriggio e dovremmo riaprire lunedì mattina (domani, ndr), così hanno comunicato all’Italia. Voglio chiarire che noi non apriamo lunedì mattina né i ristoranti, né i pub, né altro, per serietà”. Queste le parole del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intervenuto a “In mezz’ora” su Rai 3, in merito al nuovo decreto “spiegato” ieri dal premier Conte.

“Abbiamo deciso di avere un’interlocuzione con le categorie economiche per prepararli alla sanificazione, a procurarsi dei pannelli di divisione tra cliente e cliente e per agevolare l’apertura anche di piccoli ristoranti”, ha proseguito.

“La Campania non è d’accordo e non ha sottoscritto l’intesa Stato-Regioni che alcuni media presentano come condivisa all’unanimità”, le parole di De Luca. “Su alcune norme di sicurezza generale deve pronunciarsi il ministero della Salute, non è possibile che il governo scarichi opportunisticamente tutte le decisioni sulle Regioni. Non è accettabile”.

“Mi dicono, ho sentito ieri le dichiarazioni del presidente del Consiglio, dal 3 giugno liberi tutti. Io non lo so cosa succederà il 3 giugno, io cercherò di ragionare il 2 giugno per sapere qual è la situazione epidemiologica – ha proseguito il presidente della regione Campania -. Che significa liberi tutti? Se il contagio viene contenuto va bene, ma se abbiamo ancora livelli elevati di contagio che significa liberi tutti?”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, il governatore della Lombardia Fontana dichiara: “Tamponi rimborsati in caso di positività” / 2. La convinzione dell’infettivologo Le Foche: “Il virus si sta spegnendo da solo, improbabile un aumento dei contagi”

2.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.