Coronavirus, il governatore della Lombardia Fontana dichiara: “Tamponi rimborsati in caso di positività”

Nei giorni scorsi aveva fatto discutere la decisione della Regione di far pagare ai cittadini il tampone qualora il test sierologico fosse risultato positivo

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 17 Mag. 2020 alle 10:26
32k
Immagine di copertina

Coronavirus, il governatore della Lombardia Fontana dichiara: “Tamponi rimborsati in caso di positività”

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha dichiarato che i tamponi, effettuati dopo test sierologici risultati positivi, verranno rimborsati dalla Regione in caso di positività al Coronavirus. Nei giorni scorsi, infatti, aveva fatto discutere la decisione dell’ente regionale di affidare ai privati la gestione dei test sierologici, ma soprattutto quella dei tamponi. Secondo le direttive della Regione, infatti, qualora un soggetto fosse risultato positivo al test sierologico, avrebbe poi dovuto effettuare un tampone a pagamento per verificare se l’infezione fosse ancora in corso o meno. Dopo le critiche, però, ora Fontana sembra essere tornato sui suoi passi, dichiarando in un’intervista all’Italpress che in caso di positività la prestazione pattuita con il laboratorio privato verrà rimborsata.

Coronavirus, al via a Tor Vergata a Roma i test sierologici

Sul fatto che molti cittadini privati si stiano recando in massa presso i laboratori privati per effettuare i test sierologici, Fontana ha dichiarato: “Come chiarito dal ministero della Salute, i test sierologici sono utili per indagini epidemiologiche che ci consentono di verificare quanto ha circolato il virus in una zona specifica o dentro una comunità, residenze per anziani, ospedali. Allo stesso tempo ha precisato che questi non hanno alcuna valenza ai fini diagnostici, per i quali l’unico strumento efficace resta il tampone. Noi pertanto sconsigliamo al singolo di effettuarlo, perché se dovesse risultare positivo agli anticorpi dovrebbe comunque sottoporsi al tampone”.

“Non potendo impedire ai laboratori privati di effettuarli – continua Fontana – e anche per regolamentare una situazione che si stava già verificando sul territorio, abbiamo concesso l’autorizzazione, con la condizione che il laboratorio offra però anche la possibilità di effettuare il tampone, qualora il soggetto risultasse positivo agli anticorpi. Se anche il tampone dovesse risultare positivo, provvederemo a rimborsare la tariffa pagata per la prestazione. Con l’ultima delibera sulla sorveglianza sanitaria abbiamo dato la possibilità ai medici di famiglia di prescrivere il tamponi, nei casi sospetti o nei contatti di un caso positivo, anche se asintomatico. Abbiamo rafforzato la presenza del personale sanitario a disposizione, attraverso le USCA e gli operatori delle ASST, sarebbe meglio che il cittadino si rivolgesse, dunque, al proprio medico, anziché affidarsi al ‘fai da te'”.

Leggi anche: 1. L’ultima follia di Gallera e Fontana: chiedono ai lombardi di farsi i tamponi da soli. Ma pagando 70 euro (di S. Lucarelli) / 2. “Certificati falsi e problemi di export: la giungla dietro i test rapidi” : a TPI parla un biotecnologo che li ha importati e venduti in Italia / 3. Ho fatto il test sierologico per il Coronavirus: vi racconto come è andata (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

32k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.