Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Caivano, la mamma di Ciro: “Anche se non ho studiato, ho capito che è la sua natura”

Immagine di copertina

“I figli si accettano così come vengono. Paola riposa in pace”. Un breve messaggio ma pieno di significato quello pubblicato su Facebook dalla mamma di Ciro, il ragazzo trans che aveva una relazione con Maria Paola, dopo la tragedia di Caivano. La donna ha poi accusato apertamente il fratello di Maria Paola, Michele, “di aver commesso deliberatamente un omicidio perché non sopportava che la sorella frequentasse un uomo trans”.

Una morte drammatica quella della 22enne che riaccende i riflettori sulle difficoltà che ancora oggi molti giovani, soprattutto in alcune zone d’Italia, vivono nel poter liberamente scegliere chi essere e chi amare. Un’ignoranza di fondo che si fa ancor più bieca quando si parla di transessualità. Eppure le parole della mamma di Ciro, Rosa, lasciano un barlume di speranza.

Non è stato facile per Ciro, all’anagrafe Cira, vivere in un corpo che non sentiva suo. Già a 15 anni, infatti, avvertiva di essere un uomo dentro il corpo di una donna. “Ne ho parlato subito con mia madre”, ha detto Ciro, “ci ha messo cinque anni per accettarlo, ma non mi ha mai lasciato solo”. Una madre che, pur nella difficoltà dell’accettazione, ha messo l’amore per il figlio davanti a tutto. Contro ogni pregiudizio. “Non volevo ammetterlo, sono sincera. Ho sofferto. Ho pianto”, ha detto Rosa, ricordando i momenti difficili di quando ha scoperto la natura di suo figlio.

Dopo quella fase iniziale, però, la donna va avanti: “Non l’ho mai trattato male. Non ci ho mai pensato a cacciarlo di casa. Mi sono sforzata di comprendere. Mi sono confrontata con le mie amiche. E anche se non ho studiato, ho capito. Meglio così, mi sono detta, che non avere più un figlio. Se si fosse ammalato, l’avrei perso. È la sua natura, è mio figlio”. Una madre che ama il proprio figlio, e che lo ha accettato per quello che è, senza fargliene una colpa. Un insegnamento che molti altri genitori purtroppo, anche se laureati e apparentemente di ampie vedute, ancora faticano a comprendere.

Leggi anche: 1. Caivano, il fidanzato di Maria Paola: “L’amavo ma i suoi familiari dicevano: meglio morta che con uno così” / 2. Maria Paola Gagliano, il messaggio del compagno Ciro: “Amore mio non posso accettarlo, ti amerò per sempre” / 3. Investe e uccide la sorella perché aveva una relazione con un ragazzo trans: 22enne uccisa nel Napoletano

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pasticcio AstraZeneca: le Regioni stanno decidendo da sole per la seconda dose
Cronaca / Usa, Biden: "Progressi sul Covid ma ancora troppi morti"
Cronaca / In Italia 14,2 milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pasticcio AstraZeneca: le Regioni stanno decidendo da sole per la seconda dose
Cronaca / Usa, Biden: "Progressi sul Covid ma ancora troppi morti"
Cronaca / In Italia 14,2 milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi
Cronaca / AstraZeneca, l’Aifa approva il mix di vaccini per chi ha meno di 60 anni
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale
Cronaca / Nuovi casi sotto quota mille in Italia: non succedeva da settembre. 36 i morti
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Cronaca / Gimbe: “Fino a quando Aifa non modifica i bugiardini, il mix di vaccini non è approvato”