Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il boss Pasquale Zagaria torna in carcere: era ai domiciliari per un errore nella mail

Immagine di copertina
Pasquale Zagaria

Il boss della Camorra Pasquale Zagaria è tornato stamattina nel carcere di Opera. A disporre il ritorno in carcere del boss è stato il tribunale di sorveglianza di Brescia, in vista della scadenza del provvedimento con cui gli erano stati concessi per 5 mesi i domiciliari, lo scorso aprile.

Zagaria era stato posto ai domiciliari durante l’emergenza Covid-19, con una decisione del tribunale di sorveglianza di Sassari – città dove il boss era sottoposto al 41 bis in carcere – che aveva poi deciso, a giugno, di trasmettere gli atti alla Consulta sollevando questione di legittimità sul cosiddetto decreto “antiscarcerazioni”.

Come emerso in seguito al racconto di Giulio Romano, ex direttore generale della direzione detenuti e trattamento del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap), in audizione alla Commissione parlamentare antimafia, Zagaria era stato trasferito ai domiciliari per un errore di battitura: l’incaricato del tribunale di Sassari aveva invertito due lettere dell’indirizzo mail e la comunicazione al Dap non era mai arrivata.

Zagaria ha trascorso i domiciliari in Lombardia, e per questa ragione il suo fascicolo era stato trasmesso ai giudici di sorveglianza di Brescia, i quali – tenuto conto del quadro sanitario ora mutato e dell’individuazione da parte del Dap di una struttura adeguata per le cure necessarie a Opera – ha disposto il rientro in carcere del boss nel penitenziario milanese. I legali avevano chiesto la proroga dei domiciliari per incompatibilità tra il carcere e il suo stato di salute, ma il 4 settembre scorso il giudice lombardo non ha accolto l’istanza.

Pasquale Zagaria, 60 anni, è il fratello di Michele, la ‘primula rossa’ della fazione omonima dei Casalesi. Si trovava ai domiciliari per effetto della circolare del Dap del 21 marzo scorso che disponeva particolari attenzioni per i detenuti che avessero patologie o età che li mettevano a rischio. Zagaria, infatti, era malato da tempo, con una diagnosi di neoplasia arrivata a ottobre 2019.

“Dopo il rientro in carcere di Pasquale Zagaria, tutti i boss in regime di 41 bis sono tornati dove avrebbero sempre dovuto essere: in cella”, ha affermato Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di polizia Coisp. “L’auspicio è che in futuro non si debba più assistere a scarcerazioni eclatanti: non possiamo permetterci di mandare nuovamente pericolosi messaggi di permissivismo verso chi delinque”.

“È ancora una volta un segnale che lo Stato è attento”, ha commentato il direttore della Dia, il generale Giuseppe Governale. “Ci sono delle situazioni che vanno considerate al di là dell’aspetto individuale per il messaggio che si lancia. Il messaggio è che lo Stato ha grande attenzione per il fenomeno mafioso anche quando sembra in difficoltà. Dobbiamo stroncare ogni velleità che induca qualcuno a ritenere che c’è un’autorità più forte di quella dello Stato”.

Leggi anche: 1. ESCLUSIVO TPI: Così è potuto uscire dal carcere 41 bis il boss Pasquale Zagaria: il documento 2. Rischio contagio al 41 bis, scarcerato il boss di Cosa Nostra Sansone /3. La deputata antimafia Aiello (M5S): “Così passiamo per quelli che scarcerano i mafiosi. Avevo altre aspettative dal Movimento”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Esclusivo TPI – Ancora ombre sulla gara per il cloud pubblico: “Incontri fra governo e Big Tech già nel 2020”
Cronaca / Galimberti a TPI: “Nella società dell’efficienza se non sei produttivo non esisti”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / C’è una scuola che insegna a sbagliare: “Gli errori possono renderci migliori”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate