Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Lei con il bambino, lui in smartworking: l’app Immuni costretta a cambiare l’immagine sessista

Immagine di copertina
L'immagine usata per promuovere l'app Immuni e poi sostituita

Lei con il bambino, lui in smartworking: l’app Immuni costretta a cambiare l’immagine sessista

La donna alla finestra tiene in braccio un bambino, mentre l’uomo lavora al computer: questa immagine presente fra quelle che promuovono l’uso dell’app Immuni, per tracciare i contatti delle persone positive al Coronavirus, diventa il caso perché propone stereotipi di genere ormai superati e alla fine  – su richiesta della ministra delle Pari Opportunità e della Famiglia Elena Bonetti – viene modificata.

“Ministra Elena Bonetti la prego gentilmente di parlare con la Ministra Paola Pisano (titolare del dicastero dell’Innovazione Tecnologica e Digitalizzazione, ndr) perché questa immagine fuori dal tempo e dalla storia deve essere cambiata”, aveva scritto stamattina su Twitter l’ex deputata democratica Anna Paola Concia sui social, postando l’immagine che accompagna l’App. “Ho scritto deve, sì perché lo dovete alle donne italiane che non meritano tutto questo”, ha aggiunto l’ex parlamentare. Anche la cantautrice Paola Turci aveva commentato: “Condivido”.

La risposta di Bonetti è arrivata a stretto giro: “Cara Anna Paola Concia, ho scritto ieri alla Ministra Paola Pisano e mi ha subito rassicurato sul fatto che si sta lavorando ad una modifica, che sarà rilasciata entro breve”, ha fatto sapere la ministra. Intorno all’ora di pranzo l’immagine è stata effettivamente sostituita: in quella nuova ora è l’uomo a tenere in braccio il bambino, mentre la donna lavora in smartworking.

Commenti negativi sulla scelta dell’immagine sono arrivati da diversi esponenti politici. “Come è possibile che l’immagine della donna nel 2020 sia ancora legata, anche all’interno delle istituzioni, agli stereotipi più logori e abusati? La vicenda dell’app non va minimizzata perché è sintomo di qualcosa di grave e profondo”, ha scritto il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, su Twitter. “Peggio dell’immagine stereotipata (donna col bambino e uomo al lavoro) ci sono i commenti. Tanti, troppi, che la giustificano e si scandalizzano per lo scandalo”, ha sottolineato l’ex premier Enrico Letta.

“A parole tutti concordi nel ritenere la parità uomo/donna la sfida fondamentale del nostro tempo. Poi leggi i testi scolastici e vedi l’immagine dell’App Immuni e capisci che gli stereotipi persistono e si aggravano. Senza un cambio culturale non riusciremo a cambiare il Paese”, ha scritto su Twitter la senatrice Pd Roberta Pinotti. “Lei culla il bebè, lui al PC. Le immagini scelte per la App Immuni non ci sono piaciute”, hanno scritto in un post del donne del Gruppo democratico della Camera. “Basta con i vecchi stereotipi sulle donne. Sono ingiusti e irrealistici! Le istituzioni non alimentino stereotipi sulle donne fuori dalla storia e dal tempo”.

“La donna dedita a figli e piante. L’uomo alle prese con lo smart working”, ha commentato Erasmo Palazzotto (Leu). “Se ai vostri occhi non è evidente ciò che non va in questa immagine siete parte del problema. Immuni App è semplice e funzionale. La si renda rispettosa dei tempi e della parità di genere dovuta”. Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia, ha sottolineato: “Le icone dell’app Immuni raffigurano i due generi nell’ambito domestico in modo discriminatorio: mentre l’uomo è impegnato, connesso, smartworker, la donna è solo madre con il pollice verde che cresce figli e piante. Mentre lui fa il medico, lei ha il Covid. Stereotipi offensivi ma, soprattutto, significativi di una concezione irreale e antieconomica delle donne italiane, che di sicuro crescono figli e piante ma sono anche lavoratrici o avrebbero diritto di esserlo”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, parte l’alleanza Google-Apple per tracciare contagi /2. Il prof della task force interministeriale: “La app Immuni così serve a poco. Il Governo non ha seguito le nostre indicazioni”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate
Cronaca / Via libera dell'Aifa al vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni
Cronaca / Covid, oggi 15.085 casi e 103 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Covid: la grave forma della malattia raddoppierebbe il rischio di morte anche 12 mesi dopo la guarigione
Cronaca / Caso Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in una località segreta: “Ora temo per mia figlia”