Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Crisanti: “Dati poco credibili. Le Regioni fanno finta di cercare il virus per ottenere la zona bianca”

Immagine di copertina

Bisogna far partire un tracciamento vero, ben organizzato, il più vicino possibile a quello che fanno a Singapore o in Corea del Sud”, così il microbiologo Andrea Crisanti in un’intervista rilasciata al quotidiano il Messaggero, in cui ha affermato di non credere ai dati relativi alla media dei nuovi contagi italiani su 100mila abitanti, scesa sotto quota cento.

“Non ci credo, perché se davvero fosse così non avremo più di 100 decessi al giorno e perché alcune Regioni per ottenere la fascia bianca fanno pochi test, giusto per far finta di cercare il virus”. Secondo il microbiologo il tracciamento adesso “ha più senso di prima perché così davvero possiamo mettere il Covid-19 nell’angolo”.

“Non credo che (il virus, ndr) sparirà del tutto, ma potrebbe essere ridotto ad una presenza sporadica come sta accadendo in Gran Bretagna dove hanno 2.000 casi e una decina di decessi al giorno, ma fanno un milione di tamponi ogni 24 ore e hanno ripreso il tracciamento in modo che apprezzo molto. Ogni volta che un cittadino inglese entra in un luogo pubblico, ad esempio un cinema o un ristorante, deve comunicarlo a un’app, la loro Immuni”, ha spiegato Crisanti nell’intervista.

“In questo modo il sistema sanitario inglese è in grado di stroncare tutti i focolai sul nascere. Ripeto, va comunicata la presenza in un luogo pubblico per via elettronica, mentre noi lasciamo il nome e il cellulare dal barbiere su carta scritta. Dobbiamo tornare a puntare sul tampone molecolare che trova il virus nel 90 per cento e passa dei casi”, ha aggiunto. Per l’esperto aver puntato sui test rapidi “è stata una sciagura perché lasciano passare troppi contagiati”. “L’esperienza dei rapidi non ci lascia niente”, ha concluso.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Svuota le slot machine e tiene per sé l’importo: sequestrati 700mila euro
Cronaca / Insulti a Falcone, la sorella del giudice sugli audio di Matteo Messina Denaro: “Provo solo disgusto”
Cronaca / Spray sulla figlia di 16 mesi per farla ricoverare: “Possibile depressione post-parto”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Svuota le slot machine e tiene per sé l’importo: sequestrati 700mila euro
Cronaca / Insulti a Falcone, la sorella del giudice sugli audio di Matteo Messina Denaro: “Provo solo disgusto”
Cronaca / Spray sulla figlia di 16 mesi per farla ricoverare: “Possibile depressione post-parto”
Cronaca / Palermo, uomo tenta il suicidio dal ponte, i carabinieri lo salvano: “Si risolve tutto, ti aiutiamo noi”
Cronaca / Lecco, donna trovata morta in auto sulle rive del lago: il corpo sui sedili posteriori di un’auto
Cronaca / “Qui entrano solo i nativi della zona”: ragazza nera respinta all’ingresso di una discoteca a Pordenone
Cronaca / Cospito, l’avvocato chiede a Nordio di decidere subito sul 41bis: “Altrimenti morirà”
Cronaca / Cane impiccato con il filo di ferro, taglia di 10mila euro per trovare il responsabile
Cronaca / “Mi hanno puntato una pistola alla testa”: il ricordo shock della rapina a Vladimir Luxuria
Cronaca / Partorisce in casa dopo 30 ore di travaglio: neonato nasce morto. Indagate due ostetriche