Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Crisanti querelato per diffamazione dalla Regione Veneto: “Assurdo, io come Galileo Galilei”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Covid, Crisanti querelato dalla regione Veneto: “Io come Galileo”

“Io come Galileo”: sono le dichiarazioni di Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia all’Università di Padova, dopo essere stato querelato dalla regione Veneto per le sue critiche sull’utilizzo dei tamponi rapidi.

Nel corso di una puntata di Report dedicata alle presunte mancanze del Veneto nel gestire la seconda ondata della pandemia, l’epidemiologo ha parlato di uno studio da lui condotto all’ospedale di Padova, e a suo dire ignorato dalla Regione, che dimostra come i test antigenici rapidi non intercettino il 30% dei positivi.

Critiche respinte da Luciano Flor, direttore generale della Sanità regionale ed ex dell’Azienda ospedaliera di Padova, il quale ha sostenuto che lo studio “non esiste” e che sono costate a Crisanti una denuncia per diffamazione da parte di Azienda Zero, braccio operativo della regione Veneto.

Intervistato da Il Corriere della Sera, Crisanti si dice stupito dal polverone sollevato dal programma d’inchiesta: “Sono sorpreso, non ho detto nulla, ho semplicemente parlato dei risultati di un accertamento diagnostico da me condotto all’ospedale di Padova e che dimostra come i test antigenici rapidi non intercettino il 30% dei positivi”.

Sullo studio, che Flor dice non esistere, l’esperto dichiara: “Il 21 ottobre 2020 io l’ho consegnato a lui, all’allora direttore sanitario Daniele Donato e alla responsabile della Prevenzione in Regione, Francesca Russo. Dico di più: la ricerca ha ottenuto il via libera dal Comitato etico dell’Azienda ospedaliera e quindi è stato inviato a una rivista scientifica. Siamo al preprint (l’ultima bozza prima della pubblicazione, ndr) ma da allora non ho mai ottenuto risposta”.

Crisanti non ha ancora ricevuto la notifica della querela, ma dichiara: “Quando accadrà mi difenderò nelle sedi opportune, ma sono esterrefatto. È dai tempi di Galileo che un articolo scientifico non costituiva un reato d’opinione. In ogni caso se qualcuno deve rispondere del proprio comportamento è proprio Flor, che nel fuori onda diffuso da Report dichiara il falso. Sulla vicenda si deve pronunciare la magistratura, sono contento che indaghi”.

Non solo, l’epidemiologo si augura che la procura “prenda sul serio la segnalazione di Azienda Zero, così si farà chiarezza. Anche se, ripeto, non posso non sottolineare l’unicità del fatto: è la prima volta dal 1633, che la magistratura è chiamata a decidere se uno studio scientifico costituisca o meno diffamazione”.

Crisanti si dice anche convinto dei risultati della ricerca, sottolineando che “i dati prodotti sono esatti e la mia è una convinzione scientifica, non politica”.

Sul fatto che lo studio dell’ordinario di Padova sia stato collegato all’impennata di decessi registrati in Veneto durante la seconda ondata, Crisanti dichiara: “La scienza diventa diffamazione se non è allineata al pensiero di chi governa? I cittadini avrebbero bisogno di più persone come me, emblema di una scienza che dev’essere indipendente, sennò non è scienza”.

Leggi anche: 1. Crisanti: “Salvini non capisce nulla, dice che mi occupo di zanzare” | VIDEO / 2. Coprifuoco, Salvini attacca Crisanti: “Bassetti dice che non serve, qualcun altro si occupa di zanzare” | VIDEO / 3. Duro scontro Borghi-Crisanti in diretta tv: “Lei non ha capito nulla di epidemiologia” | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto
Cronaca / Mercalli a TPI: “Marche? Era impossibile prevedere”
Cronaca / Saman Abbas, il racconto del cugino indagato: “Uccisa con una corda e gettata nel Po”
Cronaca / Palermo, marito e moglie volano giù dal balcone al culmine di una lite
Cronaca / Marnate: uomo uccide la madre e tenta il suicidio
Cronaca / Covid, dal 30 settembre cade l’obbligo di mascherine sui trasporti e negli ospedali
Cronaca / Venezia, ennesimo femminicidio: 41enne uccisa a coltellate dopo una lite