Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Esplosione cascina ad Alessandria, chi sono i 3 Vigili del Fuoco morti nell’incendio

Immagine di copertina

Esplosione cascina ad Alessandria, chi sono i 3 Vigili del Fuoco morti nell’incendio

Tre Vigili del fuoco sono morti dopo l’esplosione di una cascina disabitata a Quargnento, nell’Alessandrino. I pompieri erano intervenuti per aiutare i colleghi a spegnere l’incendio. L’ipotesi che si fa strada in queste ore è quella di un gesto doloso, accreditata dal ritrovamento tra le macerie dello stabile di bombole del gas e un timer per il comando a distanza delle esplosioni (qui la notizia).

I Vigili del fuoco erano arrivati sul posto in seguito a una prima esplosione che aveva provocato un incendio. Mentre erano intenti a domare le fiamme, una seconda esplosione che ha provocato il crollo della cascina li ha sorpresi, uccidendo tre di loro.

I tre uomini morti in servizio sono Matteo Gastaldo, l’ultimo a essere estratto, di 46 anni, Marco Triches di 38 e Antonio Candido di 32 anni.

Gastaldo e Triches sono originari di Alessandria, mentre Candido era di Reggio Calabria.

Oltre alle tre vittime, vi sono anche tre feriti: due pompieri e un carabiniere. I tre sono stati estratti dalle macerie e trasportati negli ospedali di Alessandria e Asti in gravi condizioni.

La sindaca di Quargento, Paola Porzio, ha proclamato il lutto cittadino nel giorno dei funerali.

“Quando si muore così, senza aver salvato delle vite umane, fa ancora più male”, ha commentato il capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco Fabio Dattilo. “Il nostro è un lavoro a rischio, lo sappiamo bene, ma se rischi la vita per salvare quella di qualcun altro, un incidente lo digerisci meglio. Ma se muori per nulla, se muori senza salvare vite, fa davvero male”. L’unica cosa da fare in questo momento, aggiunge, è “rimanere uniti”. I vigili del fuoco, conclude Dattilo, “sono una famiglia, ora tutti ci guardano con attenzione ma vorremmo questa attenzione anche quando non succedono le tragedie, anche quando siamo ‘a riposo'”.

Esistono parole che solo le mani sanno esprimere: ecco quelle di un vigile del fuoco

Tutti i Vigili del Fuoco morti in servizio

Sono tantissimi i vigili del fuoco morti “nell’adempimento del dovere”: nel sacrario delle Capannelle alla Scuola di Roma sono 168 i nomi dei caduti del Corpo nazionale, cui si aggiungono le tre vittime di oggi nell’Alessandrino. Il ministero dell’Interno individua almeno 935 vittime in servizio, dalle “guardie del fuoco” del 1835 fino al 2015, compresi i pompieri eroi che persero la vita durante le due guerre mondiali o che rimasero vittime della violenza nazifascista.

Tra gli eventi più gravi citiamo un incidente in elicottero nel 200, in cui persero la vita 4 pompieri. Altri 4 persero la vita nello scoppio di via Ventotene nel quartiere Montesacro, a Roma, nel novembre del 2001, dopo una fuga di gas. I 4 sono stati insigniti della medaglia d’oro al valore civile. Due anni dopo, il 14 gennaio del 2003 il pompiere Simone Renoglio morì a 35 anni per salvare la vita ad un sub rimasto incastrato nella diga dell’Enel sul fiume Tevere.

L’ultimo caso è avvenuto nel giugno 2019, quando un Vigile del fuoco di 54 anni perse la vita mentre stava spegnendo l’incendio di un camion in Puglia.

TPI dedica il 2018 ai Vigili del Fuoco: instancabili e discreti eroi del nostro tempo

Le indagini

L’indagine si sta muovendo su alcuni filoni principali. Il primo riguarda quello della possibile vendita della cascina abbandonata che era stata messa all’asta per 750 mila euro senza trovare acquirenti. Il proprietario avrebbe problemi economici. Un altro filone di indagine riguarda il risarcimento assicurativo.

Il procuratore capo di Alessandria Enrico Cieri conferma l’ipotesi del dolo dopo il sopralluogo nella cascina. “Stiamo esaminando i reperti che abbiamo trovato, stiamo scavando tra le macerie e abbiamo trovato un timer e una bombola di gas che è stata sequestrata e tutto questo ci fa pensare che l’esplosione sia stata voluta e deliberatamente determinata”.

Sul caso è stato aperto un fascicolo per crollo e omicidio plurimo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Vaccinatevi o a casa senza stipendio”: la lettera dell’azienda Sterilgarda ai dipendenti
Cronaca / Covid, 11enne morta a Palermo. La madre: “Non siamo no vax. Non abbiamo fatto in tempo a vaccinarci”
Cronaca / L’Iss: “Il 99% dei morti di Covid da febbraio a oggi non era stato vaccinato”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Vaccinatevi o a casa senza stipendio”: la lettera dell’azienda Sterilgarda ai dipendenti
Cronaca / Covid, 11enne morta a Palermo. La madre: “Non siamo no vax. Non abbiamo fatto in tempo a vaccinarci”
Cronaca / L’Iss: “Il 99% dei morti di Covid da febbraio a oggi non era stato vaccinato”
Cronaca / Scuola, presidi e sindacati in rivolta contro governo: “Risposte certe o si torna alla Dad”
Cronaca / Ma allora non era tutta colpa di Azzolina: ecco tutti i flop sulla scuola del Governo dei Migliori
Cronaca / Salvini vede Draghi: per nuove restrizioni attendiamo i dati
Cronaca / Il 57,2% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / Morto suicida il medico Giuseppe De Donno: tra i promotori della cura al plasma contro il Covid
Cronaca / "Non chiamateci no vax": un giorno a Roma insieme ai manifestanti contro il Green Pass
Cronaca / Scuola, in arrivo il piano per il rientro in presenza. Sindacati: "Fuorviante parlare di obbligo vaccinale"