Me
Ponte Morandi, una perizia della Procura parla di difetti di costruzione
Condividi su:
ponte morandi difetti di costruzione
Credit: Afp

Ponte Morandi, una perizia della Procura parla di difetti di costruzione

Secondo i consulenti della procura, sono stati utilizzati negli stralli del ponte meno cavi del previsto e risulta l'assenza delle guaine protettive dei cavi stessi

16 Set. 2018
ponte morandi difetti di costruzione
Credit: Afp

Ponte Morandi difetti di costruzione

Si sta facendo strada in queste ore l’ipotesi di un problema strutturale originario come causa del crollo del ponte Morandi a Genova.

Da una perizia della Procura di Genova, che sta indagando su cause e responsabilità del disastro, emerge infatti un rilievo dei consulenti sui difetti di costruzione della struttura.

I resti “sensibili” del ponte Morandi sono stati portati all’interno di un capannone che si trova nella “zona rossa”.

Lì sono stati analizzati dai consulenti della Procura, gli ingegneri Piergiorgio Malerba e Renato Buratti, che si sono accorti che la struttura del ponte non coincide con il progetto originario.

Secondo il quotidiano ligure Il Secolo XIX gli ingegneri si sono accorti che risulterebbe una differenza importante tra i materiali previsti nel progetto iniziale dell’infrastruttura e quelli effettivamente utilizzati in fase costruttiva.

In particolare, sarebbero stati utilizzati negli stralli del ponte meno cavi del previsto e vi sarebbe “un’assenza talmente diffusa di guaine protettive di quegli stessi cavi, in determinati punti, tale da far presumere un deterioramento completo”.

Quest’anomalia poterebbe gettare nuova luce sul crollo avvenuto la mattina del 14 agosto, che ha causato la morte di 43 persone.

Leggi anche: “Io, primo ad arrivare dopo il crollo del ponte di Genova: ho visto le persone nelle auto morire”

Leggi anche: “Autostrade ha chiesto ai suoi dipendenti di devolvere parte del loro stipendio per le famiglie di Genova”. Ma la società smentisce

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus