Me
Le giovani iraniane si filmano mentre ballano in solidarietà con Maedeh, la ragazza arrestata per un video su Instagram
Condividi su:
ballerina velo instagram iran

Le giovani iraniane si filmano mentre ballano in solidarietà con Maedeh, la ragazza arrestata per un video su Instagram

Maedeh Hojabri, 18 anni, è stata arrestata in Iran per aver pubblicato alcuni video su Instagram in cui balla nella sua stanza senza il velo. Ora molti utenti stanno condividendo messaggi e video di supporto

09 Lug. 2018
ballerina velo instagram iran

Una ragazza di 18 anni di nome Maedeh Hojabri è stata arrestata in Iran per aver violato le norme morali del paese.

La ragazza, che ha più di mezzo milione di followers su Instagram, aveva postato sul suo account alcuni video che la ritraevano mentre ballava senza il velo, obbligatorio in Iran.

La tv di Stato ha trasmesso una confessione della ragazza in cui lei stessa ammette di avere violato le norme morali ma insiste che questa non era la sua intenzione. Non è chiaro però se la confessione sia stata fatta contro la sua volontà.

La giovane è stata liberata su cauzione ma non può rilasciare alcuna intervista.

Il suo account Instagram è stato bloccato.

In Iran, Facebook, Twitter e altri social media sono già bloccati, anche se molti iraniani riescono comunque ad accedervi.

Gli utenti dei social media hanno condiviso video e messaggi a supporto della giovane ballerina, utilizzando hashtag che tradotti sarebbero #ballarenonèunreato.

Il governo iraniano ha leggi severe che regolano l’abbigliamento e le danze delle donne con membri di sesso opposto: in pubblico è vietato, tranne che davanti a familiari stretti.

Molti altri ballerini sono stati arrestati nelle ultime settimane.

Il blogger Hossein Ronaghi ha commentato: “Se dici alle persone in tutto il mondo che le ragazze di 17 e 18 anni vengono arrestate per la loro danza, gioia e bellezza con l’accusa di diffondere indecenza, mentre gli stupratori e gli altri bambini sono liberi, ridono! Perché per loro è incredibile!”

Un utente di Twitter ha scritto: “Sto ballando in modo che le autorità vedano e sappiano che non possono cancellare la nostra felicità e speranza arrestando adolescenti e ragazze come Maedeh”.

All’inizio di quest’anno, un funzionario della città di Mashhad è stato arrestato dopo aver preso parte a un ballo di gruppo in un centro commerciale della città, mentre sei persone sono state arrestate per aver ballato la Zumba ad agosto.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus