Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Vuelta 2022: finalmente Pedersen

Immagine di copertina

Il danese Mads Pedersen (Trek Segafredo) ha conquistato in volata la tredicesima tappa della 77ma Vuelta Espana che portava i corridori da Ronda a Montilla attraverso 168 chilometri privi di difficoltà altimetriche. Il campione del mondo di Harrogate 2019 ha finalmente centrato il successo, dopo tre secondi posti in questa edizione della corsa spagnola, mettendo un’ipoteca praticamente definitiva sulla conquista della maglia verde della classifica a punti. Alle sue spalle, sull’arrivo in leggera salita, si sono piazzati il francese Bryan Coquard (Cofidis) ed il tedesco Pascal Ackermann (UAE Team Emirates). Invariata la classifica generale che vede il belga Remco Evenepoel (Quick Step Alpha Vinyl) conservare la maglia roja con un vantaggio di 2’41” sullo sloveno Primoz Roglic (Jumbo Visma) e di 3’03” sull’iberico Enric Mas (Team Movistar).

Com’era prevedibile la frazione, anche in considerazione di cosa attende i corridori nel fine settimana, è stata corsa a ritmi ridotti. Ovviamente non è mancata la tradizionale fuga di giornata che ha avuto come protagonisti il belga Julius van den Berg (EF Education EasyPost) e gli spagnoli Ander Okamika (Burgos BH) e Joan Bou (Euskalte-Euskadi). Partito dopo cinque chilometri, il trio, che ha avuto un vantaggio massimo di tre minuti, è stato ripreso ai meno nove dal traguardo.

Domani andrà in scena l’attesissima quattordicesima tappa. Si partirà da Montoro per arrivare, dopo 160 chilometri, ai 1.820 d’altitudine della Sierra de la Pandera, traguardo più volte decisivo nella storia della Vuelta Espana. Poco dopo meta corsa ci sarà da affrontare una prima asperità, il Puerto de Siete Pilillas. Resta, tuttavia, difficile immaginare che qualcuno tra gli uomini di classifica si muova prima dell’ascesa finale che porterà all’arrivo. Vedremo se la caduta di ieri avrà scalfito in qualche modo l’armatura finora immacolata del millennial fiammingo.

Ti potrebbe interessare
Sport / Berardi, multa di 3mila euro per la tentata aggressione al tifoso del Modena
Sport / Roma Betis Siviglia streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Europa League
Sport / Sturm Graz Lazio streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Europa League
Ti potrebbe interessare
Sport / Berardi, multa di 3mila euro per la tentata aggressione al tifoso del Modena
Sport / Roma Betis Siviglia streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Europa League
Sport / Sturm Graz Lazio streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Europa League
Sport / Sampdoria, ufficiale: Stankovic è il nuovo allenatore
Sport / È morto Giampiero Ventrone, l’ex preparatore della Juventus era al Tottenham con Conte
Sport / Chelsea Milan streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Sport / Juventus Maccabi Haifa streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Sport / Serie A, dove vedere le partite in diretta tv e live streaming: il calendario
Sport / Xavi accusa l’Inter: “Avete pagato l’arbitro”. Il Barcellona valuta l’esposto all’UEFA
Sport / Ajax Napoli streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League