Covid ultime 24h
casi +15.199
deceduti +127
tamponi +177.848
terapie intensive +56

Valerio Mastandrea, tutto quello che c’è da sapere sull’attore protagonista del film Domani è un altro giorno

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 25 Feb. 2019 alle 18:35 Aggiornato il 25 Feb. 2019 alle 18:36
0
Immagine di copertina

VALERIO MASTANDREA CARRIERA – Valerio Mastandrea è un attore molto apprezzato dal pubblico italiano. Per le sue interpretazioni, ha ottenuto dieci candidature ai David di Donatello, vincendone quattro.

L’attore sta per tornare sul grande schermo al fianco di Marco Giallini nel film Domani è un altro giorno, il cui tema portante è l’amicizia.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sul film Domani è un altro giorno

Il film è atteso dal 28 febbraio 2019 nelle sale italiane. Vediamo tutto quello che c’è da sapere su Valerio Mastandrea.

Valerio Mastandrea carriera | Vita privata

All’anagrafe risulta con il nome di Valerio Marco Massimo Maria Mastandrea. Noto comunemente come Valerio Mastandrea, l’attore è nato a Roma il 14 febbraio 1972.

Tifoso della Roma, Mastandrea ha persino composto una poesia dal titolo L’antiromanismo spiegato a mio figlio.

Un tempo, l’attore è stato legato sentimentalmente a Paola Cortellesi con la quale attualmente è in buoni rapporti; a testimonianza di ciò, i due dirigono “Il Quarticciolo”, un piccolo teatro della periferia romana.

Dal 2018, ha una relazione con l’attrice Chiara Martegiani, ma dalla ex moglie Valentina Avenia ha avuto un figlio, Giordano.

Valerio Mastandrea carriera | Filmografia

Il volto di Valerio Mastandrea ha iniziato a ottenere popolarità con la partecipazione a diversi programmi televisivi, come Maurizio Costanzo Show e Quelli che… il calcio.

Il debutto sul grande schermo è avvenuto nel 1994 con il film Ladri di cinema, ma la fama nazionale è giunta con il ruolo di Tarcisio nel film Palermo Milano – Solo andata.

Nello stesso anno, Valerio Mastandrea ha ottenuto la Grolla d’oro al miglior attore e il Pardo al Festival di Locarno grazie al film Tutti giù per terra.

Il debutto alla regia invece è avvenuto con un cortometraggio: si tratta di Trevirgolaottantasette, il cui topic principale sono le morti bianche in Italia.

Nel 2007, Mastandrea ha preso parte a una puntata di Buona la prima! con Ale e Franz e ha recitato nel film Non pensarci; per lo stesso ruolo, ha recitato nell’omomina serie in onda su FOX.

Nel 2010, ha recitato nel film La prima cosa bella e nel musical Nine. Seguono Tutti al mare, Nessuno mi può giudicare, Cose dell’altro mondo, Ruggine, Romanzo di una strage, Padroni di casa, La mia classe e Pasolini.

Nel 2014, Valerio Mastandrea ha recitato ne La sedia della felicità, dopodiché si è occupato della produzione e montaggio del film Non essere cattivo, presentato fuori concorso al Festival di Venezia e designato come film rappresentante il cinema italiano agli Oscar per il miglior film straniero del 2016.

Sempre nel 2016, Mastandrea ha recitato ne La felicità è un sistema complesso, Perfetti sconosciuti, Fiore e Fai bei sogni. Nel 2017 ha recitato in The Place, nel 2018 in Euforia.

Valerio Mastandrea ha vinto quattro David di Donatello per La prima cosa bella, Gli equilibristi, Viva la libertà e Fiore.

Valerio Mastandrea carriera | Scrittura

Nel 2010, inoltre, Mastandrea ha scritto a quattro mani con Francesco Abate il romanzo Chiedo scusa, utilizzando lo pseudonimo di Saverio Mastrofranco. Invece, nel 2013 ha scritto insieme a Zerocalcare la sceneggiatura per il film La profezia dell’armadillo (trasposizione dell’omonima graphic novel).

Inoltre, Mastandrea è parte del comitato scientifico della Scuola d’arte cinematografica Gian Maria Volonté (Roma).

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.