Me

Game of Thrones, Zerocalcare recensisce l’ultima stagione della serie

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 21 Mag. 2019 alle 21:04
Immagine di copertina

ZEROCALCARE GAME OF THRONES – Anche Zerocalcare, celebre autore di graphic novel, ha voluto commentare l’ultima puntata di Game of Thrones.

Le sue recensioni a forma di fumetto rappresentano appieno il malcontento di chi non ha affatto apprezzato la piega di quest’ultima stagione.

Le vignette sono state pubblicate su Wired e vedono la sincerità ironica di Zerocalcare riguardo ogni singolo episodio dell’ottava stagione.

Zero calcare commenta così la prima puntata dell’ottava stagione: “non succede un cazzo” ed effettivamente è così. La seconda puntata, a detta del fumettista, è riassumibile con l’amplesso che ha visto protagonista Arya Stark e Gendry. Il pubblico è andato subito in panico, cercando su Google l’età dell’attrice (qualora questa fosse stata minorenne, cosa non vera perché Maisie Williams è del 1997).

La terza vignetta rappresenta la terza puntata e Zerocalcare la racchiude così: “Muore gente di cui non ci frega un cazzo”, spiegando la guerra della Lunga Notte, e poi aggiunge: “Ma che cazzo ci sta a fa’ Bran?”. E non ha mica tutti i torti.

La quarta puntata di Game of Thrones riassunta da Zerocalcare: “Missandei fa una finaccia”, giustiziata dalla brutalità di Cersei e La Montagna. Sappiamo che questo è stato un punto di non ritorno perché, se Missandei non fosse stata decapitata, forse Daenerys non avrebbe perso la testa.

Di qui, il riassunto di Zerocalcare per la quinta: “Lo strano modo in cui a Daenerys è partita la ciavatta”. La teoria della Mad Queen ha preso vita.

L’episodio finale secondo Zerocalcare? “L’unica cosa di buonsenso della serie la fa un drago che non sa manco esprimersi in italiano corretto”.

Drogon distrugge il Trono di Spade perché non è Jon Snow ad aver ucciso Daenerys, ma la sete di potere e quel maledetto trono.

Game of Thrones è ormai giunto al termine e Zerocalcare cerca di strapparci un’amara risata con le sue vignette.

Dentro il Rojava, guerra di Siria