Sanremo 2020, Rula Jebreal tra le co-conduttrici? Le polemiche dei sovranisti sui social

La giornalista palestinese potrebbe affiancare Amadeus per una sera sul palco dell'Ariston

Di Antonio Scali
Pubblicato il 30 Dic. 2019 alle 15:38
998
Immagine di copertina

Rula Jebreal a Sanremo 2020? I sovranisti si scagliano contro la giornalista palestinese

Ci sarebbe anche Rula Jebreal tra le 10 donne che affiancheranno Amadeus sul palco del Festival di Sanremo 2020. A pubblicare l’indiscrezione è stata Dagospia, secondo cui il direttore artistico e conduttore della settantesima edizione avrebbe già incontrato la giornalista palestinese in un albergo di Milano per proporle di condurre una delle cinque serate della kermesse. La donna avrebbe già dato la sua disponibilità.

La notizia, subito ripresa da giornali come Libero e Il Giornale, ha subito scatenato violente reazioni sui social. In particolare l’indiscrezione non è piaciuta a molti sovranisti, che si sono scatenati contro la palestinese. Rula Jebreal, dal loro punto di vista, viene criticata per alcuni suoi vecchi titoli, come quando ha detto che l’Italia sta diventando un Paese razzista.

Tra i primi a scagliarsi contro la presenza della palestinese al Festival di Sanremo è stato Daniele Capezzone: “Mi par di capire che con i soldi del canone #Rai #RulaJebreal potrebbe essere incaricata a #Sanremo di spiegarci quanto le facciamo schifo. Se poi qualcuno si lamenterà sui social, seguiranno accuse di: razzismo, sessismo, machismo. Pure nel 2020, ci avete già rotto i co*lioni”, ha scritto su Twitter.

Contro la giornalista israeliana naturalizzata italiana si è poi scagliato Marco Gervasoni, docente dell’Università del Molise famoso per aver pubblicato tweet offensivi nei confronti della senatrice a vita Liliana Segre: “Mitica la definizione che ne diede in un talk show anni fa Sapelli ‘gnocca senza testa’. Aspettatevi un Sanremo pro clandestini, pro islam, pro lgbt, pro utero in affitto, pro sardine, pro investitori d’auto (purché con suv)”.

Sanremo 2020, è ufficiale: Tiziano Ferro sul palco dell’Ariston tutte le cinque serate

Ma sui social, in particolare Twitter, sono tanti gli utenti comuni che hanno criticato l’ipotesi di Rula Jebreal come conduttrice di Sanremo 2020. “Io sono stanco di sentirmi insultato da gente che non ha rispetto per la mia cultura, gli italiani sono stanchi di essere insultati da persone che provengono da paesi in cui i diritti umani non vengono rispettati. Denuncia #RulaJebrea”, scrive qualcuno, tanto che il nome della palestinese è diventato trending topic. Ovviamente non mancano i commenti positivi: “Intelligente, colta, palestinese. Riuscite a sentire il sovranista medio gettare su questa donna tutto il suo livore? Benvenuta in Italia #RulaJebreal”; “Grazie #Amadeus per aver scelto #RulaJebreal, stai mandando in tilt i cervelli dei razzisti perché è una donna, straniera, che ha detto chiaramente che l’Italia è un paese fascista. Spero faccia qualche discorsetto durante il festival”, scrivono alcuni utenti.

E ancora: “I sovranisti, dopo aver saputo di Rula Jebreal a Sanremo 2020, mostrano tweet in cui la giornalista descrive il clima d’odio instauratosi tempo fa. Lo fanno notare con violenza e offese personali e sessiste, dimostrando che Rula aveva/ha ragione. Geniali. Epic”. Intanto alcuni utenti hanno lanciato l’hashtag #BoicottaSanremo.

Sanremo 2020, ufficializzato il costo dei biglietti. Scoppia la bufera: “Prezzi esorbitanti”

rula jabreal sanremo

998
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.